V136- Agnello – Monginevro

V136

Agnello - Monginevro 250 km

Giorni

2

Periodo

aprile - novembre

Località

Attività

icon-scooter
Moto

Programma

1 giorno  arrivo in Valle Stura
Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
(bevande escluse)
Pernottamento

2 giorno Agnello – Monginevro (250 km)

Dopo colazione incontro con il nostro esperto Angelo e inizierete a seguire “la moto gialla”.
Punto di partenza ideale di questo itinerario è la Città di Saluzzo, dalla quale si risale la Val Varaita (V. note aggiuntive) sino al Colle dell’Agnello, si discende dunque sino a Molines en Queyras per poi rimontare fino allo spettacolare colle dell’Izoard e di qui verso la città più alta di Francia: Briançon, oggi classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, città d’arte e di storia costruita nel XVIII secolo e fortificata nel XVIII secolo da Vauban, è difesa un numero notevole di fortificazioni. Imperdibile. Lasciato l’abitato si inizia la salita verso il Colle del Monginevro, quindi le località di Claviere, Sestriere e Cesana, che in inverno come in estate offre numerosi svaghi, per giungere a Fenestrelle, dove è situata una imponente forte costituito da tre complessi fortificati uniti da un tunnel, al cui interno corre la scala coperta più lunga d’Europa, con ben 4.000 gradini. La superficie di 1.350.000 mq di compendio e una lunghezza di 3 Km distribuita su 650 m di dislivello ne fanno una opera architettonica formidabile. Discendendo la Val Chisone giungeremo quindi a Pinerolo: città storica e sede del Museo della Cavalleria, proseguendo per Cavour e Saluzzo, i cui nomi evocano un passato di nobiltà e ricchezza, infine ritorno a Borgo San Dalmazzo. NOTE

NOTE AGGIUNTIVE:

Val Varaita
Con i suoi prati e boschi la valle Varaita detta “Smeraldina” è la più verde della provincia di Cuneo. Qui, adagiato lungo le pendici del Monviso, tra i 1500 e i 2500 metri è presente il bosco di pino cembro più esteso delle Alpi: l’Alevè. La valle si sviluppa lungo una settantina di chilomentri, dai primi paesi di fondovalle fino ai 2748 metri del Colle dell’Agnello, al confine con la regione francese del Queyras. Sampeyre, Bellino, Casteldelfino, Pontechianale e Chianale conservano nuclei autentici di architettura tradizionale e le piccole baite del pascolo estivo. La Valle Varaita stupisce per la varietà del suo paesaggio naturale e culturale: dai santuari montani alle meridiane, chiese, piccole cappelle e castelli (Costigliole Saluzzo, Verzuolo e Casteldelfino). Rigogliosa e ricca di spunti turistici, questa terra che ha saputo conservare il suo patrimonio culturale è ideale per una vacanza, sportiva o rilassante…

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V135- Colle Maddalena – Monginevro

V135

Colle della Maddalena - Monginevro 310 km

Giorni

2

Periodo

aprile - novembre

Località

Attività

icon-scooter
Moto

Programma

1 giorno  arrivo in Valle Stura
Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
(bevande escluse)
Pernottamento

2 giorno Colle della Maddalena – Vars – Agnello (250 km)

Dopo colazione, incontro con il nostro esperto Angelo e partenza a seguito della sua “moto gialla”.
Questo itinerario inizia da Borgo San Dalmazzo e attraversando gli abitati di Demonte, Vinadio (famoso è il suo Forte Albertino, da non perdere), Sambuco, Pietraporzio e Bersezio, si svolge inizialmente in Valle Stura (V. note aggiuntive) ed entra in Francia percorrendo la Valle dell’Ubaye dove si potrà visitare il caratteristico paese di Saint-Paul-sur-Ubaye, in cui lungo la settimana si può gustare la deliziosa birra prodotta in loco.
Si risale dunque al Colle di Vars per discendere nell’omonimo abitato, rinomata stazione sciistica durante i mesi invernali e si discende sino all’abitato di Guillestre, da qui proseguiremo verso la città più alta di Francia: Briançon, oggi classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Città d’arte e di storia costruita nel XVIII secolo e fortificata nel XVIII secolo da Vauban, è difesa un numero notevole di fortificazioni. Non si può non farle visita.
Lasciato l’abitato si inizia la salita verso il Colle del Monginevro, quindi le località di Claviere, Sestriere e Cesana, che in inverno come in estate offre numerosi svaghi, per giungere a Fenestrelle, dove è situata una imponente forte costituito da tre complessi fortificati uniti da un tunnel, al cui interno corre la scala coperta più lunga d’Europa, con ben 4.000 gradini.
La superficie di 1.350.000 mq di compendio e una lunghezza di 3 Km distribuita su 650 m di dislivello ne fanno una opera architettonica formidabile.
Discendendo la Val Chisone giungeremo quindi a Pinerolo: città storica e sede del Museo della Cavalleria, proseguendo per Cavour e Saluzzo, i cui nomi evocano un passato di nobiltà e ricchezza, infine ritorno a Borgo San Dalmazzo.

NOTE AGGIUNTIVE:
Valle Stura:

Da Borgo San Dalmazzo sale verso Argentera, da cui la strada raggiunge ed entra in territorio francese presso il colle della MADDALENA (Col de Larche) Da sempre importante punto di transito tra il Piemonte e la Francia per gli scambi commerciali, per il cammino spirituale dei pellegrini nonchè per il passaggio di eserciti belligeranti, Come nella adiacente Valle Gesso anche qui sono presenti degli impianti termali sulfurei (Terme di Vinadio) che unitamente al Forte Albertino costituiscono un forte richiamo per il turismo, unitamente alle svariate possibilità di praticare sport quali: pesca, canoa, kayak e rafting. Attrezzata anche per gli sport invernali, offre la possibilità di dedicarsi sia allo sci nordico (Festiona) che alla discesa (Argentera) Vi sono strade di collegamento verso le adiacenti Valle Gesso e Valle Grana

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V134- Colle Maddalena – Vars- Agnello

V134

Maddalena - Vars - Agnello - 250 km

Giorni

2

Periodo

aprile - novembre

Località

Attività

icon-scooter
Moto

Programma

1 giorno  arrivo in Valle Stura
Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
(bevande escluse)
Pernottamento

2 giorno Colle della Maddalena – Vars – Agnello (250 km)

Dopo la colazione in struttura incontro, per chi vorrà, con il nostro esperto Angelo e inizierete a seguire la sua “moto gialla”.
Un itinerario che partendo da Borgo San Dalmazzo e attraversando gli abitati di Demonte, Vinadio (famoso è il suo Forte Albertino, da non perdere), Sambuco, Pietraporzio e Bersezio, si svolge inizialmente in Valle Stura (V. note aggiuntive) ed entra in Francia percorrendo la Valle dell’Ubaye dove si potrà visitare il caratteristico paese di Saint-Paul-sur-Ubaye, in cui lungo la settimana si può gustare la deliziosa birra prodotta in loco.
Si risale dunque al Colle di Vars per discendere nell’omonimo abitato, rinomata stazione sciistica durante i mesi invernali e si discende sino all’abitato di Guillestre, da cui inizieremo ad addentrarci nel Parco Regionale del Queyras, area geografica il cui difficile accesso ha contribuito durante i secoli passati a mantenerne la natura inalterata.
Quindi rimonteremo sino allo spettacolare Colle dell’Agnello per poi discendere la Valle Varaita (V. note aggiuntive) sino a Busca, e rientrare a Borgo San Dalmazzo.

NOTE AGGIUNTIVE

Valle Stura:
che da Borgo San Dalmazzo sale verso Argentera, da cui la strada raggiunge ed entra in territorio francese presso il colle della MADDALENA (Col de Larche) Da sempre importante punto di transito tra il Piemonte e la Francia per gli scambi commerciali, per il cammino spirituale dei pellegrini nonché per il passaggio di eserciti belligeranti.
Come nella adiacente Valle Gesso anche qui sono presenti degli impianti termali sulfurei (Terme di Vinadio) che unitamente al Forte Albertino costituiscono un forte richiamo per il turismo, unitamente alle svariate possibilità di praticare sport quali: pesca, canoa, kayak e rafting. Attrezzata anche per gli sport invernali, offre la possibilità di dedicarsi sia allo sci nordico (Festiona) che alla discesa (Argentera) Vi sono strade di collegamento verso le adiacenti Valle Gesso e Valle Grana

Valle Varaita  Con i suoi prati e boschi la valle Varaita detta “Smeraldina” è la più verde della provincia di Cuneo. Qui, adagiato lungo le pendici del Monviso, tra i 1500 e i 2500 metri è presente il bosco di pino cembro più esteso delle Alpi: l’Alevè. La valle si sviluppa lungo una settantina di chilomentri, dai primi paesi di fondovalle fino ai 2748 metri del Colle dell’Agnello, al confine con la regione francese del Queyras. Sampeyre, Bellino, Casteldelfino, Pontechianale e Chianale conservano nuclei autentici di architettura tradizionale e le piccole baite del pascolo estivo. La Valle Varaita stupisce per la varietà del suo paesaggio naturale e culturale: dai santuari montani alle meridiane, chiese, piccole cappelle e castelli (Costigliole Saluzzo, Verzuolo e Casteldelfino). Rigogliosa e ricca di spunti turistici, questa terra che ha saputo conservare il suo patrimonio culturale è ideale per una vacanza, sportiva o rilassante… esenti degli impianti termali

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V133- Colle della Maddallena Vars Bonnette – Lombarda

V133

Colle della Maddalena - Vars - Bonnette - Colle della Lombarda 312 km

Giorni

2

Periodo

aprile - novembre

Località

Attività

icon-scooter
Moto

Programma

1 giorno  arrivo in Valle Stura
Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
(bevande escluse)
Pernottamento

2 giorno Colle della Maddalena – Bonnette – Vars e Lombarda (312 km)
Dopo colazione , per chi vorrà, incontro con il nostro Angelo e pronti a seguire la sua “moto gialla”.
Un itinerario particolare che si sviluppa nella prima parte della Valle Stura sino a VInadio, per poi deviare verso sinistra e raggiungere la Francia attraverso il Colle della Lombarda e la stazione sciistica di Isola 2000, si punta a Nord-Ovest per raggiungere il Col de Raspaillon / Col des Granges e quindi si inisia la risalita al Col de la Bonette dal cui punto più elevato un ulteriore itinerario ad anello ( i francesi affermano essere la strada carrozzabile più alta d’Europa) ci farà raggiungere i 2.802 metri di quota!
La discesa sul versante opposto ci farà raggiungere la Capitale della valle dell’Ubaye, Barcelonnette, dovegli amanti delle architetture insolite non mancheranno di apprezzare le sorprendenti ville messicane costruite tra il 1880 e il 1930 dagli abitanti di Barcelonnette che avevano fatto fortuna in Messico.
Una di queste dimore, la villa La Sapinière, è aperta al pubblico.
Proseguendo oltre dopo poche decine di chilometri ci aggoglierà la superba visione del Lago di Serre-Ponçon, secondo lago artificiale per grandezza in Europa, e che costutuisce un richiamo irresistibile per i turisti che vogliano compiere il periplo del lago e dopo aver preso visione dell’impressionante diga (la più grande d’Europa) costruita sulla Durance, raggiungere la cittasina di Savines le Lac, che affacciandosi sul meraviglioso lago costituisce il luogo ideale per una pausa di ristoro.
Qui si conclude la prima metà di questo itinerario.
Dopo la pausa si potrà puntare sul vicino comune di Crots per una veloce visita all’Abbazia di Notre-Dame de Boscodon, costruita nel XII secolo da monaci e oggi occupata da una comunità religiosacon i suoi edifici in pietra e Il tetto coperto da scandole (sorta di tegole di legno) di larice.
Altra piccola perla di questo viaggio: il villaggio di Embrun, antica metropoli ecclesiastica (come sottolinea l’impareggiabile cattedrale di Notre-Dame-du-Real, risalente al XII e XIII secolo) e vecchia fortezza militare, che dall’alto della sua rocca domina la vallata della Durance.
Un breve e scorrevole tratto di Route Nationale ci condurrà sino a Guillestre, dalla quale potremo iniziare a risalire il Col de Vars, un vero paradiso per chi ama pennellare curve in moto, e quindi dopo la sciesa al villaggio di Saint-Paul-sur-Ubaye (il cui microbirrificio che produce una ottima birra) potremo deviare a sinistra per raggiungere il colle della Maddalena e da qui, discendendo, rientrare nella struttura che ci ospiterà.
Avrà così termine questo itinerario ricchissimo di meraviglie per gli occhi, sia paesaggistiche che architettoniche.
Fine servizi

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •