CUBA DEL SUD

Cuba del sud

Primo giorno – ItalIa – Holguin – Santiago de Cuba
Arrivo e trasferimento con auto privata a Santiago de Cuba, sistemazione in Casa Hostal Santiago de Cuba con trattamento di pernottamento e prima colazione
Auto privata con autista a disposizione da  Guardalavaca.

Secondo giorno – Santiago de Cuba

Visita guidata della città (guida locale parlante italiano)
Santiago de Cuba è la città più importante dopo La Havana.
Questa città è l’unica che possa fregiarsi del titolo ufficiale di “Città eroe della Repubblica di “Cuba”, ma anche della fama di “Città ribelle” e “Città culla della Rivoluzione”.
Visiterete il centro storico, il punto di riferimento è la caratteristica piazza della cattedrale, la Piazza Centrale Carlos Manuel de Céspedes. Attorno a questa piazza vi sono i palazzi più celebri e le strade più importanti. La visita comprende: Caserma Moncada, il Morro di Santiago, il Museo Diego Velásquez o di Ambiente Coloniale.
Visita al cimitero Santa Ifigenia.
Pernottamento Casa Hostal Santiago de Cuba B&B.

Terzo giorno –  Cumbra de La Gran Piedra – El Cobre – Santiago
Un’altra giornata dedicata alla visita di Santiago e dei suoi dintorni con la guida locale parlante italiano. Dopo la colazione si parte per la Cumbra gran Piedra (Cima La Gran Pietra).
Si parte con l’auto in direzione: Spiaggia di Sibonej e ci si inerpica lungo una salita su una strada
Ricca di buche, in perfetto stile cubano. Arrivati in cima si sale lungo una scalinata in pietra di 459 scalini che vi porterà a contemplare una meravigliosa vista sul mar dei caraibi a 1234 metri d’altitudine (Se la giornata è limpidissima si intravede la Jamaica , di notte si vedono le luci).
Su questa cima si può ammirare un’enorme roccia di 25 metri d’altezza e 30 metri di larghezza
raggiungibile attraverso una ripida strada di 12 km.
La visita prosegue con il Museo Cafetal La Isabelica de la Piedra, dichiarato patrimonio dell’Unesco. Questo museo nasce per conservare le prime piantagioni di caffè sorte nella parte sud-orientale di Cuba, 2 km di là de La Gran Piedra, lungo una strada dissestata, si trova il museo dove vengono illustrati i metodi di lavorazione del caffè in uso un secolo fa. L’imponente dimora in pietra a due piani, con le sue tre grandi piattaforme per l’essiccazione del prodotto, fu costruita all’inizio del XIX secolo da un gruppo di piantatori francesi fuggiti da Haiti ed è una delle oltre 60 che sorgevano nella zona.
Si può visitare un laboratorio, osservare arredi e manufatti realizzati dagli schiavi e passeggiare a piacimento lungo i terreni delle piantagioni, all’ombra dei pini. Vale la pena di usare una guida (a cui si dà una mancia) che vi spiegherà quello che vedete in giro; non ci sono infatti altre informazioni.
La giornata di visite finisce con la visita di El Cobre che è una cittadina nata dalla miniera di rame che le diede il nome, la quale veniva già utilizzata in epoca precolombiana. Situata a 20 km a nordovest da Santiago de Cuba, il villaggio minerario è attraversato dal fiume che porta il suo stesso nome ed è meta di numerosi pellegrinaggi, grazie al fatto che, nel suo santuario, trova sede la Vergine della Carità, comunemente conosciuta come Cachita.

Quarto giorno  – Santiago de Cuba – Baracoa
Dopo colazione partenza per Baracoa con auto private e autista.
Baracoa sorge nella provincia di Guantanamo, il primo nucleo di questa cittadina fu fondato nel 1511 come Nuestra Senora de la Asuncion de Baracoa da Diego Velasquez de Cuellar.
Baracoa è stata isolata dal resto del mondo Cubano fino agli anni ’60 quando è stata costruita la strada “La Farola” che la college al resto dell’isola.

Cosa vedere a Baracoa
Il centro storico di Baracoa è un suggestivo intrico di strade e stradine che si sviluppa sul promontorio che si affaccia sulla meravigliosa Bahia de Miel, il braccio di Mar dei Caraibi che si spinge sulla costa settentrionale di Cuba. Il centro della città è dominato dal pittoresco Parque Independencia, a tutti gli effetti la piazza principale di Baracoa, dove si può passeggiare in tranquillità tra le fontane, le palme e le splendide aiuole fino ad arrivare alla statua di Hatuey. Hatuey è l’eroe locale, un patriota ante litteram, che ha lottato contro gli spagnoli per difendere i diritti degli indios e che per questo venne arrestato e condannato a morte sul rogo dal governatore di Cuba.
Sulla piazza si possono visitare anche la suggestiva Cattedrale dell’Assunzione, gli edifici governativi in elegante stile coloniale neoclassico e i palazzi più pregevoli del centro cittadino, che ricordano ancora la Cuba di inizio Novecento. Per godersi uno degli scorci più belli di Baracoa si può fare una bella passeggiata lungo la Malecòn, il lungomare della città che permette di ammirare la splendida vista del Mar dei Caraibi che arriva fino ai piedi del centro urbano, e i più mattinieri potranno avere l’opportunità di ammirare l’alba con il sole che spunta dalle acque color rubino.
Per scoprire il passato di Baracoa si possono visitare i Forti spagnoli costruiti nel corso del XVI e XVII secolo come forma di difesa dagli attacchi provenienti dal mare e che oggi costituiscono un interessante museo all’aperto. Le fortezze meglio conservate sono Castillo de Seboruco, oggi trasformato in hotel ma ancora liberamente visitabile, e il Fuerte Matachín, che ospita al suo interno il museo civico di Baracoa.

Pernottamento presso Hostal  con trattamento di  B&B

Prenotare un eco-tour
Consigliamo di prenotare in loco (Si prenotano in ogni hotel anche in quello suggerito da lui) , i diversi eco-tourche vengono proposti per scoprire la zona. Eduardo consiglia di non decidere a priori, ma di capire con calma e lasciarsi ispirare dal momento.

Quinto giorno  – Eco Tour dintorni Baracoa – Cayo Saetia
Giornata dedicata all’escursione nei dintorni, al vostro rientro trasferimento con auto privata per Cayo Saetia.
Sistemazione per il pernottamento in Hotel con trattamento di  B&B

Sesto giorno –  Mare a Cayo Saetia – Guardalavaca
Giornata dedicata ad un po’ di bel mare a Cayo Setia.
In serata transferimento a Guardalavaca con sistemazione in resort con trattamento di  All Inclusive

Settimo giorno  – Guardalavaca – Salto del Guayabo
Pick up in hotel con guida parlante italiano. Trasferimento in jeep a Pinares de Mayarí, situato nel Parco Nazionale della Mensura a 680 metri sul livello del mare, con un microclima dove vivono circa 300 specie endemiche di flora cubana. Sulla strada per Pinares, sosta per le foto e la contemplazione del paesaggio con diversi tipi di vegetazione di montagna, la Baia di Nipe, una delle più grandi baie di tutto il mondo con 25,9 chilometri di lunghezza e 16,8 chilometri di larghezza, visita al Salto del Guayabo contemplando da un punto di vista cascate naturali con una caduta di 85 e 117 metri rispettivamente ad un’altitudine di 560 metri sul livello del mare. È possibile percorrere un sentiero che termina in una piscina naturale molto accogliente per le sue caratteristiche e il paesaggio circostante, invitando il visitatore a fare il bagno. O per realizzare il percorso ecologico di 1200 metri fino alla caduta del salto. Visita a Finca la Plancha, con un microclima all’interno del Parco Nazionale La Mensura con una varietà di piante ornamentali e da frutto.
Pernottamento in resort

Ottavo giorno  –  Guardalavaca -Holguin – Italia
Tempo a disposizione in mattinata al mare e successivo trasferimento in aeroporto ad Holguin in tempo per il volo di rientro.

I nostri viaggi sono sempre studiati su misura per individuali o piccoli gruppi. Possiamo personalizzare tutti i servizi.
Richiedici un preventivo.