“Anello classico” in auto

 

 

 

1 giorno – Reykjavik
Arrivo a Reykjavik , in base all’ora di atterraggio noleggio dell’auto direttamente in aeroporto o pernottamento a Reykjavik.

2 giorno Þingvellir – Gullfoss – i Geysir – La Costa Meridionale (310 km circa)
Le meraviglie geologiche del Parco nazionale, patrimonio UNESCO – i Geyser – le colonie di uccelli marini – le spiagge laviche del sud l viaggio alla scoperta dell’Isola inizia con il Parco nazionale di Þingvellir, immensa vallata immersa in un ondulato paesaggio di colate laviche, uno dei luoghi di maggior interesse geologico e storico. Qui si riuniva l’Althingi intorno al X secolo, il più antico parlamento del mondo,  ed  in tempi moderni vi fu proclamata la Repubblica d’Islanda.Si prosegue quindi per ammirare la spettacolare cascata Gullfoss, detta la Cascata d’Oro e le sorgenti calde dei Geysir. Si continua lungo la costa meridionale per ammirare la cascata di Skogafoss, le spiagge nere di Vik e il ghiacciaio di Myrdalsjokull, nelle cui vicinanze ha avuto luogo la famosa eruzione del vulcano Eyjafjallajokull nella primavera del 2010, cha paralizzò il traffico aereo dei cieli di mezza Europa.

3 giorno Kirkjubaejarklaustur – Skaftafell – Jokulsarlon – Hofn (270 km circa)
I campi di lava – il Parco Nazionale più vasto in Europa – la laguna glaciale e gli iceberg – il Ghiacciaio più grande d’Europa
Partenza per il villaggio di Kirkjubaejarklaustur, un piccolo villaggio agricolo di soli 150 abitanti  località spesso citata nelle tradizioni popolari islandesi e famoso per il convento cattolico fondato dai monaci benedettini nel XII sec. Visita del parco nazionale di Skaftafell situato ai piedi del più grande ghiacciaio d’Europa, il Vatnajokull.Si prosegue poi per la laguna glaciale Jokulsarlon, puntinata di iceberg che galleggiano lenti sulle sue gelide acque. Poi si continua verso il piccolo porto di pesca di Höfn, immerso in uno splendido scenario e adagiato su una lingua di sabbia della Laguna di Hornafjordur.

4 giorno – Hofn – Djupivogur – Reydafjordur – Egilsstadir (300 km circa)
Gli stretti fiordi dell’est – le montagne scoscese – i litorali pittoreschi – le collezioni di mineraliGiornata dedicata alla visita dei magnifici Fiordi dell’Est attraverso piccoli villaggi di pescatori incorniciati da maestose montagne che terminano nel mare. Migliaia di uccelli marini nidificano lungo le scogliere e sulle isole al largo della costa. Possibilità di fare un’escursione in barca sull’Isola di Papey (isola dei frati) indica che un tempo fu abitata dai monaci irlandesi giunti in Islanda prima dell’arrivo dei norvegesi. Oggi quest’isola è popolata solamente da foche ed pulcinelle di mare che all’ inizio dell’estate popolano le imponenti scogliere alte fino a 45 m. Sull’isola si può visitare il faro di Hellisjarg, del 1922, la chiesa più piccola d’Islanda, del 1805.Quindi possibile sosta a Stodvarfjordur per visitare la collezione di minerali di Petra.

5 giorno   – Egilsstadir – Dettifoss – Husavik – Myvatn (310 km circa)
Gli altopiani lunari – la Cascata più potente in Europa – le suggestive gole e canyon – avvistamento delle balene
Si attraversa l’altopiano desertico di Möðrudalsöræfi un luogo molto speciale: non si avvista un filo d’erba all’orizzonte. Nulla, tranne l’immensità degli altipiani, le colline e le montagne scure. Un deserto attraversato solamente da una strada di soli 100 km regolarmente frequentata da pecore, e renne. Quindi si raggiunge la maestosa cascata di Dettifoss, la più potente d’Europa, che regala stupendi arcobaleni, per poi continuare verso il lussureggiante canyon a forma di ferro di cavallo di Asbyrgi, profondo 3,5 km.Proseguendo lungo la penisola di Tjornes si giunge a Husavik, tipica cittadina islandese, paesino portuale con le case policrome che scendono verso il porto e le vette circostanti innevate. Da qui partono le imbarcazioni per l’avvistamento delle balene, delfini ed orche marine.

6 giorno   Mývatn – Akureyri/Skagafjörður (130 km circa)
Le bizzarre formazioni vulcaniche – i fenomeni geotermici e vulcanici – l’avifauna –  la cascata “Degli dei”  – Akureyri, la seconda città più grande d’Islanda. Si parte oggi alla scoperta del Lago Myvatn, il cui nome significa lago dei moscerini, e della zona circostante. Il lago ospita numerose specie di avifauna, tra cui circa 20 diverse specie di anatra .A Dimmuborgir si potranno ammirare stranissime formazioni vulcaniche. Sosta a Skutustadir per una passeggiata tra gli pseudo crateri. A Namaskard si potranno osservare le pozze di fango che ribolle ed gli straordinari colori di quest’area.Si prosegue poi verso la bella cascata Godafoss e successivamente verso la cittadina di Akureyri, la  “Capitale del Nord”.  La città è anche conosciuta, per la sua splendida posizione sul mare e per la sua vicinanza al circolo polare, con il nome di “Città del sole di mezzanotte”.Passeggiare ad Akureyri, è molto gradevole, tra una miriade di caffè, bar, musei, negozi!

7 giorno – Varmahlid – Reykholt – Borgarnes – Hvalfjordur – Reykjavik (490 km)
Le fertili pianure agricole – i fiumi glaciali – il museo folcloristico – il fiordo “delle balene”. Viaggio attraverso la mitica regione di Skagafjördur, conosciuta anche per i famosi allevamenti di cavalli islandesi. Possibilità di visitare il museo del folklore a Glaumbær, dove si possono ammirare i migliori esempi di antica architettura islandese.Si prosegue per la baia di Húnaflói e, attraversando l’altopiano di Holtavörduheidi, arrivo a Reykjavik nel pomeriggio.
In alternativa si possono percorrere gli altopiani interni lungo Kjölur (per questo tragitto – transitabile dalla seconda metà di giugno – è necessaria un’auto 4×4) verso l’oasi geotermale di Hveravellir e successivamente verso Reykjavik.15 agosto  Reykjavik / …

8 giorno  Reykjavik
Prima colazione in hotel a Reykjavik.
Gli orari del vostro volo vi permettono di visitare la città tutto il giorno e di recarvi in aeroporto la sera, riconsegna auto in mattinata

I nostri viaggi sono sempre studiati su misura per individuali o piccoli gruppi. Possiamo personalizzare tutti i servizi.
Richiedici un preventivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *