V194 – Valle Maira – Tra natura e cultura

V194

Tra natura e cultura
22-24 agosto 2021 e 24 -26 settembre 2021

Pixabay

Giorni

3

Periodo

agosto-settembre

Località

Attività

icon-trekking
Escursione

Programma

1 Giorno il giro delle Chiese di Stroppo
Tre giorni per approfondire i temi storici e culturali più forti della Valle Maira seguendo sentieri, mulattiere ed itinerari insoliti.
Conoscerete la storia medievale nascosta tra gli angoli delle case o nelle chiese quattrocentesche, il Vallo Alpino del Littorio e la sua linea difensiva in Valle Maira, la scoperta di antichi mestieri ormai scomparsi. Arrivo in valle in autonomia ed incontro con Fulvia Girardi, guida escursionistica.
Per darvi un piccolo assaggio lungo il percorso avremo modo di vistare: – il Lazzaretto di Caudano, emblematica struttura della seconda metà del 1400 che ci proietta in una Valle Maira medievale nobile, con una delle facciate a vela meglio conservate in valle, portali megalitici e rilievi scultorei di pregio; – la Chiesa di San Peyre ricco patrimonio artistico e architettonico con opere ispirate ai Vangeli Apocrifi; – la scoperta delle piccole borgate alpine con le tipiche strutture in pietra e legno. Tutto questo senza perdere mai lo sguardo agli ampi panorami che si presentano a noi senza timore
(visita alla Chiesa di San Peyre ed i suoi affreschi: gratuita)
Sistemazione in struttura
Cena e pernottamento

Info tecniche:
Punto più alto: Quota 1640 m
Durata dell’escursione 5 ore a titolo indicativo

Giorno 2 – Giro del Monte Bellino (2937 m)
Dopo colazione incontro con Fulvia e partenza per il giro ad anello nell’alta Valle Maira, al cospetto di alcuni dei 3000 della valle, persi tra marmotte, fiori alpini e grandi rapaci che ci sorveglieranno. Lungo l’itinerario potremo scoprire una parte della storia del Vallo Alpino del Littorio, antica linea difensiva voluta da Mussolini nel Secondo Conflitto Mondiale. Potremo visitare alcune delle costruzioni che hanno resistito al passare del tempo e che ci comunicheranno silenziosamente questa triste parentesi storica. Finiremo la nostra escursione con un passaggio molto suggestivo vicino alla Rocca Provenzale, montagna simbolo della nostra valle.
Rientro in struttura, tempo per il relax.
Cena e pernottamento

Info tecniche:
Dislivello: 1.100 mt
Durate dell’escursione : 6 ore a titolo indicativo

Giorno 3 – Laghi Roburent (2428 m)
Incontro con Fulvia dopo colazione e partenza per i Laghi di Roburent che condividono i confini con la Valle Stura, ci permetteranno di scoprire un’altra linea difensiva costruita da Mussolini. Lungo il bellissimo scenario naturale che attraverseremo potremo visitare la Caserma dell’Escalon che custodisce al proprio interno affreschi e motti di stampo fascista e conoscere le strat attacco e difesa che Mussolini pensava di adottare sull’arco alpino. Dopo esserci rilassati vicino alle incantevoli acque dei laghi, scenderemo a Chialvetta. Qui sarà possibile, per chi lo desidera, visitare il Museo Etnografico “La Misoun d’en bot” (in occitano “La casa di una volta”). Museo che raccoglie la bellezza di 1500 pezzi diversi del vivere quotidiano passato o di vecchi mestieri della Valle Maira. Attrezzi ormai sconosciuti, soppiantati dalle attuali tecnologie, ma che raccontano quanto la vita in valle fremesse grazie alle attività più disparate.
(Costo della visita al Museo Etnografico “La Misoun d’en bot”: 3 € )
Fine servizi

Info Tecniche:
Dislivello: 1.100 mt
Tempo durata escursione: 6 ore indicative

Sistemazione e Prezzi

La Locanda di Chialvetta

Rifugio Campo Base

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V193 – Valle Maira – Sulle Alte Cime

V193

Sulle Alte Cime
25-31 luglio 2021 e 08-14 agosto 2021

Pixabay

Giorni

7

Periodo

luglio-agosto

Località

Attività

icon-trekking
Escursione

Programma

Una settimana molto impegnativa tra le cime più belle ed iconiche della Valle Maira
per assaporare il suo lato più severo, ma allo stesso tempo più naturale e suggestiva!

1 Giorno Sentiero Piergiorgio Frassati (2.539 mt)
Arrivo in Valle Maira in autonomia ed incontro con la guida escursionistica Fulvia Girardi.
Partenza per uno dei giri ad anello più belli che la Valle Maira ci possa offrire. Un
percorso unico sotto molteplici aspetti: dal punto di vista panoramico per la vista dei laghi e degli
spazi immensi che li circondano; dal punto di vista storico-culturale perché fu parte del Vallone Alp Dal punto di vista naturalistico perché qui si possono trovare innumerevoli specie botaniche anche rare e, a seconda della stagione, l’incontro con la fauna selvatica come marmotte, camosci, ermellini, stambecchi o grifoni non è una rarità.
(pranzo al sacco)
Rientro e sistemazione in struttura.
A scelta: Rifuglio Campo Base o Albergo diffuso La Scuola di Chiappera.
Cena e pernottamento.

Info tecniche:
Dislivello: 900 mt
Durata escursione: 6 ore a titolo indicativo

Giorno 2 – Monte Ciaslaras (3002 m)
Dopo colazione incontro con Fulvia.
Bellissimo giro ad anello che percorre ambienti molto diversi: si passa dalle immense
praterie ricche di specie botaniche, all’ambiente minerale e severo del Colle e del Monte
Ciaslaras. Questo monte fa parte dei 3000 m della Valle Maira, è estremamente aperto e molto
panoramico, da qui si vede anche la vicina Valle dell’Ubaye, in Francia. Questa cima, poco
conosciuta, è normalmente poco frequentata.
Questa escursione è particolarmente impegnativa perché oltre ad avere un dislivello importante,
presenta tratti ripidi e nel ghiaione.
(pranzo al sacco)
Cena e pernottamento

Info tecniche:
Dislivello: 1.100 mt
Durata escursione a titolo indicativo 7 ore

 

Giorno 3 – Giro dei Sette Passi
Incontro con Fulvia e partenza per questo Anello che tocca i colli più suggestivi della Valle Maira, in un continuo cambio di scenario che non farà altro che incantare ad ogni passo.
Si percorreranno i sentieri della parte più alta della Valle Maira, al confine con la Valle Stura, tra
laghi alpini, tratti impegnativi ed un po’ impervi, panorami infiniti e la bellezza unica che solo la
montagna selvaggia sa regalare.
(pranzo al sacco)
Rientro in struttura cena  e pernottamento

Info tecniche:
Dislivello: 1.430 mt
Durata dell’escursione: 7 ore tempo indicativo

 

Giorno 4 – Monte Pelvo (3064 m)
Dopo colazione, partenza con Fulvia per questo picco, a cavallo tra Valle Maira e Valle Varaita, regala un’eccezionale.
Panorama a 360° dalle Alpi Marittime alle Alpi Cozie e, nelle giornate più terse, su alcuni
importantissimi picchi delle Alpi Graie. Lungo tutto il percorso il Re di Pietra il Monviso ci
sembrerà particolarmente vicino.
Alla fine di questo incantevole itinerario potremmo regalarci una pausa per visitare Elva, fiore
all’occhiello della Valle Maira. Nel capoluogo si erge la chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta
che cela al suo interno un vero gioiello: il ciclo di affreschi di Hans Klemer, pittore itinerante
fiammingo, in attività alla fine del 1400 e che regalò alla nostra valle una piccola Cappella Sistina.
(pranzo al sacco)
Rientro in struttura cena e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello 1.200 mt
Durata escursione: 6 ore a titolo indicativo

Giorno 5 – Tête de la Fremo (3142 m)
Questa montagna ci omaggia di una vista superlativa su tutto il gruppo dello
Chambeyron ed è il più estremo della Valle Maira, subito a ridosso della Valle dell’Ubaye, in
Francia. Una montagna che si specchia in due maestosi laghi: il Lago dei Nove Colori ed il Lago
del Vallonasso, spesso circondata da grifoni che non nascondono la loro presenza. Il percorso di
salita e discesa toccherà alcuni brevi tratti tecnici ed esposti, ma il panorama che ci circonderà
ricompenserà la nostra fatica.
(pranzo al sacco)
Rientro in struttura cena e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello: 1.500 mt
Durata l’escursione: 8 ore a titolo indicativo

Giorno 6 – Tour di Rocca La Meja (2.536 mt)
Dopo colazione incontro con Fulvia e partenza per il percorso su sentiero senza particolari difficoltà che ci lascerà tutto il tempo per ammirare quanto ci circonda. Rocca La Meja si erge fiera nel pianoro della Gardetta, ritenuto Patrimonio Geologico Italiano per via del ritrovamento delle impronte di dinosauro su quello che resta di una spiaggia fossile di 245 milioni di anni fa.
Anche su questo itinerario immancabili saranno gli incontri con la fauna selvatica, una quantità
infinita di fiori e panorami a perdifiato.
Ritorno in struttura, cena e pernottamento.

Info tecniche:
Dislivello: 1.200 mt
Durata dell’escursione: 6 ore a titolo indicativo

Giorno 7 – Monte Midia (2341 m)
Chiudiamo in bellezza la nostra avventura con questa semplice escursione che dalla
cima ci farà ammirare tutta l’alta Valle Maira e molti degli imponenti picchi toccati durante la
settimana. Questa montagna, attraversata da un magnifico bosco di larici, è l’habitat di molte
specie diverse di orchidee, rari Gigli Martagone ed un ambiente perfetto anche per molti specie
fungine. (pranzo al sacco)
Finita la passeggiata in questo posto incantato potremo salutarci e dirci “Arrivederci ed alla
prossima!”
Termine dell’escursione previsto per le ore 14:00
Fine servizi

Info tecniche:
Dislivello: 750 mt
Durata dell’escursione: 4 ore a titolo indicativo

 

Sistemazione e Prezzi

La Scuola di Chiappera

Rifugio Campo Base

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V192 – La Foresta Nera in bici

V192

La Foresta Nera in bici 22-29 agosto 2021

Giorni

8

Periodo

Agosto

Attività

icon-cycling
Cicloturismo

Programma

1 Giorno Cuneo – St. Louis
Ore 7.00 partenza in pullman da Cuneo. Nel pomeriggio sosta a BERNA e visita della città. Arrivo a Saint Louis – Blotzheim, poco oltre Basilea, cena e pernottamento
Sistemazione
Mercure Aèroporte 3* stelle

2 Giorno 1 – SAINT LOUIS – FREIBURG
La Foresta Nera (in tedesco: Schwarzwald) è un’area montuosa situata nella parte sud-occidentale della Germania, nel Land del Baden-Württemberg, verso il confine con Francia e Svizzera. Si estende in direzione nord per circa 160 km, nell’estremo sud raggiunge una larghezza di 60 km mentre a nord è larga solo 30 km. La tappa inizia in territorio francese, nella regione dell’Alsazia, e segue nella prima parte il tracciato della ciclabile del Reno che si snoda a fianco del canal de Huningue e attraversa la zona paludosa della Riserva Naturale della Piccola Camargue. Per qualche km la pista è sterrata, poi diventa stabilmente asfaltata. A Niffer (km 16) si supera il punto in cui confluiscono il canale du Rhone au Rhin e il Grand canal d’Alsace, si continua attraversando piccoli borghi e soffermandosi nel centro di Ottmarsheim (km 26). All’altezza di Bantzenheim si svolta sulla destra e si attraversano il Grand Canal d’Alsace e il Reno (km 33) entrando in Germania a Neuenburg. Si prosegue seguendo le indicazioni dell’anello della ciclabile che circonda la Foresta nera meridionale (SudSchwarzwald Radweg) raggiungendo Heitersheim (km 48), Bad Krozingen (km 56), con deviazione verso il centro di questa cittadina termale per la sosta pranzo, e altri borghi minori fino ad arrivare a Freiburg (km 73). La parte tedesca della tappa si svolge nella regione della Brisgovia, tra la pianura renana e le colline del Markgräflerland che si trovano alla base dei rilievi più alti della Foresta Nera. Solo negli ultimi 25 km si incontrano saliscendi di moderato dislivello.
Sistemazione
Novotel Konrad 4* stelle

Note tecniche:
Km 73
D+ 338
D- 328
MIN 208 MAX 274
OPENRUNNER 12282041

3 – FREIBURG – KANDEL – FREIBURG
Questa tappa prevede un percorso ad anello che si sviluppa a nord-est della città di Freiburg, che si lascia pedalando a est fino ad incontrare la strada verso Stegen (km 10) da dove inizia la salita in direzione di St. Peter (km 18) e il passo Kandel (km 28) situato in posizione panoramica a 1.241 metri di quota. Si scende poi sull’altro versante verso Waldkirch (km 40) e Denzlingen prima di rientrare a Freiburg (km 60). Il percorso ridotto (in verde nella cartina) evita la salita del Kandel e chiude l’anello da St. Peter verso Denzlingen e Freiburg. Per il pranzo si può optare tra portarsi rifornimenti per un picnic sulla vetta o scendere per mangiare a Waldkirch.
In appendice si trova il profilo dettagliato della salita verso Kandel dal lato sud.
FREIBURG IM BREISGAU
Città di 231.000 abitanti, la quarta in ordine di grandezza del Baden-Württemberg dopo Stoccarda.
La città è attraversata dal fiume Dreisam, che nasce nella Foresta Nera e confluisce nel fiume Elz, che a sua volta confluisce nel Reno. La zona di Friburgo è la più calda e la più soleggiata della Germania. Di questo sono testimoni il famoso vino del Kaiserstuhl e le particolari flora e fauna, comprendenti specie solitamente presenti solo in paesi più caldi.Il monumento più notevole è la cattedrale costruita tra la fine del XII secolo e il 1513.Nella piazza della cattedrale si trova l’Historisches Kaufhaus (“mercato storico”), costruito nel 1532, sede di attività commerciali e della dogana. Delle antiche mura che circondavano la città rimangono due porte: la Schwabentor (porta degli Svevi), risalente al Duecento, che si apriva su una delle vie commerciali più importanti per la città e la Martinstor, risalente alla stessa epoca.
Sistemazione 
Novotel
Konrad 4*stelle

Note Tecniche
Km 60
D+ 1.098
D- 1.099
MIN 228 MAX 1.198
Percorso ridotto:
Km 42 D+ 532 D- 532 MIN 233 MAX 741
OPENRUNNER 12282035 e 12282062

4 Giorno- FREIBURG – TITISEE – DONAUESCHINGEN
Seguendo il percorso ciclabile della Foresta Nera (SudSchwarzwald Radweg) si raggiunge Kirchzarten (km 10) e si prosegue nella valle Zastler. Nei pressi di Oberried inizia la salita verso Rinken. È un’ascesa decisamente impegnativa soprattutto nei 6 km finali dove si sale di 550 metri. L’ultimo tratto è sterrato ma percorribile anche con le bici da corsa (in appendice si trova il profilo dettagliato della salita verso Rinken). Raggiunta la quota massima di 1.202 metri (km 24), alle spalle del Feldberg, la montagna più alta della Foresta Nera, si inizia a scendere verso Hinterzarten (km 35) e il lago Titisee (km 39) dove ci si può fermare per la sosta pranzo.Si riprende la tappa affrontando una salita di circa 4 km sulla strada L172 (si può evitare scegliendo un itinerario secondario ciclabile intorno alla collina, che però allunga la tappa di circa 6 km) poi, su strade secondarie e ciclabili, si scende verso Donauschingen e si entra in città per arrivare al parco del castello dove si trova la fontana della sorgente del Danubio (km 71). Si percorrono ancora 5 km per raggiungere l’hotel a nord della città.
Sistemazione
Hotel Waldblick BSR 3* stelle

TITISEE Il lago Titisee si trova a 845 metri, è alimentato dalle acque di fusione delle nevi del Feldberg, la sua superficie misura 1,2 km², la profondità media è di 20 m e quella massima di 40 m. Ne fuoriesce il fiume Gutach, che più avanti si unisce all’Haslach formando il Wutach, affluente del Reno. In inverno la superficie del lago gela ed è in parte agibile per il pattinaggio, autorizzato quando lo spessore del ghiaccio arriva ad almeno 16 centimetri. Sulla sponda nordorientale è situato il centro turistico di Titisee, stazione sciistica specializzata nello sci nordico ed attrezzata anche con un trampolino.

DONAUESCHINGEN
Città di 22.000 abitanti. Nel giardino del castello barocco dei Furstenberg si trova una fontana del XIX secolo (Donauquelle) che viene considerata come sorgente del Danubio. In realtà l’inizio del Danubio si trova un km più a est, dove due corsi d’acqua minori (Brigach e Breg) si unisono per dar vita al grande fiume che raggiungerà il Mar Nero dopo aver percorso 2.858 km e attraversato 10 stati.

Note tecniche
Km 76
D+ 1.382
D- 961
MIN 271 MAX 1.202
OPENRUNNER 12282136

Percorso ridotto (si evita la salita del Rinkenpass, si raggiunge il lago Titisee in pullman e si inizia in bicicletta la seconda parte della tappa fino a Donaueschingen):
km 37 D+ 361 D- 523

5 Giorno- DONAUESCHINGEN – SCHAFFAUSEN – RADOLFZELL
Una tappa lunga con un profilo altimetrico piuttosto movimentato anche se non ci sono grandi difficoltà. Da Donaueschingen si scende inizialmente verso sud lungo la stretta valle Krottenbach. Dopo Achdorf (km 20) si entra nella valle del fiume Wutach e si passa vicino al tracciato della suggestiva omonima ferrovia (in giallo nella cartina sopra). A Stuhlingen (km 34) si entra in Svizzera e con modesti saliscendi si prosegue fino a raggiungere a Schaffausen (km 53) il sito della cascata sul fiume Reno. Qui o nella vicina città ci si può fermare per la sosta pranzo prima di proseguire sulla ciclabile che affianca il Reno sul lato tedesco. Al km 72 si lascia la ciclabile del Reno e si prosegue in direzione nord e poi verso est fino a raggiungere la meta di Radolfzell (km 90). C’è anche la possibilità di proseguire la ciclabile lungo il fiume e la sponda settentrionale del Lago, allungando il percorso di 11 km.
Sistemazione
 Hotel K 99 4* stelle

SCHAFFAUSEN
Città della Svizzera di 36.000 abitanti, capitale del cantone omonimo. Tra gli edifici di interesse troviamo il Munot, vecchia fortezza simbolo della città, la parte vecchia della città con palazzi di epoca rinascimentale, il Convento di Allerheiligen (Ognissanti), abbazia benedettina fondata nel XI secolo ed attiva fino al secolo XVI quando nella zona si affermò la riforma protestante. A poca distanza si trovano le famose cascate (Schaffausen Rheinfall), le più estese in Europa. Sono situate nella parte superiore del corso del fiume Reno, hanno un’ampiezza di 150 metri e un’altezza di 23 metri. Ci sono dei piccoli battelli che portano i visitatori vicino alla cascata. Tutto il territorio intorno verso i confini con al Germania è inserito nel grande Parco Naturale Regionale di Schaffausen.

 

RADOLFZELL con 31.000 abitanti è la terza città del distretto, dopo Costanza e Singen e si è sviluppata su un monastero fondato nell’826 da Radolf vescovo di Verona. Nel centro è la chiesa gotica di Nostra Signora, risalente al XV secolo e decorata in stile barocco nel Settecento.

Note Tecniche
Km 90
D+ 810 D- 1.100
MIN 368 MAX 787
OPENRUNNER 12284584

 

6 Giorno- RADOLFZELL – REICHENAU – KONSTANZ – RADOLFZELL
Questa tappa prevede un anello intorno alla penisola che si protende a nord nel lago di Costanza, in piano nei primi 50 km e con saliscendi nel finale. Dopo 19 km dalla partenza si arriva al ponte che collega l’isola di Reichenau, che si visita nelle sue parti più interessanti. Si riattraversa il ponte per raggiungere il centro storico di Costanza (km 36) dove ci si ferma per visitare la città e per pranzare. Si prosegue poi sull’altro alto della penisola, transitando davanti all’isola di Mainau (km 43), e quindi si lascia la costa proseguendo all’interno verso Dettingen (km 53) e Radolfzell (km 70).

KONSTANZ. Città universitaria di 84.000 abitanti situata sul fiume Reno, che scorre attraverso il Lago di Costanza, dividendo in due la città. A nord del fiume si trova la parte più grande, con aree residenziali e insediamenti industriali; mentre a sud del fiume si trova la Città Vecchia, che ospita i centri amministrativi e le aree commerciali.
Sistemazione
Hotel K 99 4* stelle

RADOLFZELL con 31.000 abitanti è la terza città del distretto, dopo Costanza e Singen e si è sviluppata su un monastero fondato nell’826 da Radolf vescovo di Verona. Nel centro è la chiesa gotica di Nostra Signora, risalente al XV secolo e decorata in stile barocco nel Settecento.

REICHENAU. L’isola è collegata alla terraferma per mezzo di un ponte-diga costruito nel 1838.
Oggi l’isola è famosa anche per le fattorie di ortaggi e per i vigneti e per la riserva naturale composta da una zona umida in cui sostano numerose specie di uccelli durante le loro migrazioni annuali.
MAINAU. L’isola è collegata alla sponda meridionale del lago tramite un ponte, è compresa nel territorio comunale della città di Costanza ed è una nota meta turistica, che attrae per i suoi giardini curati, la serra tropicale con moltissime specie di farfalle e il castello barocco.
Note Tecniche:
Km 70
D+ 603 D- 604
MIN 394 MAX 558
OPENRUNNER 12284762

7 Giorno – RADOLFZELL – LINDAU – BREGENZ
Nell’ultima tappa si segue la ciclabile del Lago di Costanza sulla riva tedesca, godendo dell’affascinante spettacolo del grande lago e transitando, con un percorso senza difficoltà, nei luoghi più interessanti come Uberlingen (km 25) Uhldingen (km 34) dove è possibile una sosta al museo all’aperto delle palafitte, Meesburg (km 38) Fiedrichshafen (km 55) e Lindau (km 81) che merita una sosta per un passeggiata nell’affasciante via al centro dell’isola. Si riprende poi a pedalare per gli ultimi km, entrando in Austria e terminando il viaggio a Bregenz (km 92).

BREGENZ
Città di 29.000 abitanti, capoluogo dello Stato austriaco del Vorarlberg, situata in una baia all’estremità meridionale del lago di Costanza, a breve distanza dalla Germania e dalla Svizzera. Sede di un rinomato festival musicale estivo, di un grande museo di arte moderna nella avveniristica Kunsthaus (KUB). Di rilievo anche il Vorarlberg Museum. La città alta (Oberstadt) si estende nella parte dell’antico castrum romano, una scalinata porta a Ehregutaplatz, piazzetta circondata da tipiche case a graticcio. Vicino si trovano la torre Martinsturm, resto delle mura medievali, e la Martinskapelle del 1362. Poco lontano dal porto parte la funivia che sale al Monte Pfänder, a quota 1046 m, nel punto panoramico più famoso dell’intera regione, che consente una vista amplissima sul Lago di Costanza, molto apprezzabile soprattutto nelle prime ore del mattino.
Sistemazione
Hotel Ibis 3* stelle

Note tecniche
Km 92
D+ 452
D- 454
MIN 394 MAX 454
OPENRUNNER 12285145

In mattinata visita a piedi di BREGENZ e della città alta oppure gita con la funivia al punto panoramico del Monte Pfänder (1046 m). Alle ore 12 si parte con il pullman per il rientro a Cuneo.

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V191 – Valle Maira – Marmora e i suoi tesori

V155

Marmora e i suoi tesori
11-13 luglio 2021 19-21 luglio 2021 e 03-05 settembre 2021

Giorni

3

Periodo

luglio

Località

Attività

icon-trekking
Escursione

Programma

1 Giorno Valle Maira – Marmora

Arrivo in Valle in mattinata, in autonomia. Sistemazione in struttura.
Dopo pranzo, incontro con la guida escursionistica Fulvia Girardi, profonda conoscitrice della sua Valle natia.
Questo itinerario ci farà scoprire le bellissime borgate di Marmora tutte ristrutturate con cura ed attenzione, musei a cielo aperto, con dipinti quattrocenteschi sulle facciate delle case.
In particolare potremo visitare la chiesetta di San Sebastiano, piccolo gioiellino sconosciuto che conserva al suo interno mirabili affreschi tratti dai vangeli apocrifi. Inoltre andremo ad approfondire la storia di antichi mestieri itineranti come quello dei bastai e dei sellai.
Cena e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello: 400 mt
Punto di Partenza: Marmora Borg. Vernetti (1230 m) Punto più alto: Marmora borg. Parrocchia (1546 m)
Durata dell’escursione: 3 ore indicative

Giorno 2 – Escursione alla scoperta delle erbe spontanee e merenda del montanaro Monte Buch (2112 m)
Il Monte Buch è senza ombra di dubbio uno dei punti più panoramici della Valle
Maira, da qui si potrà ammirare tutta la valle: dalla bassa valle con la pianura di Dronero all’alta
valle con gli imponenti picchi del Monte Oronaye, Monte Chersogno e Pelvo d’Elva,
mentre in lontananza si scorgerà il Re di Pietra il Monviso.
Lungo l’escursione, in questo itinerario ricchissimo di specie botaniche diverse, andremo a
scoprire quali piante sono possono essere commestibili, quali sono invece da evitare perché
tossiche, quali erano gli usi che i nostri nonni praticavano con molte di esse. Sarà una piccola
scoperta di quanto il mondo della natura ci possa regalare.
Alla fine della nostra giornata andremo a conoscere da vicino una piccola realtà agricola locale.
Infatti ci recheremo da Sergio Serra, agricoltore ed allevatore a capo dell’omonima azienda
agricola, residente stanziale della fraz. Superiore di Marmora per degustare un’ottima merenda montanara a base dei suoi prodotti caseari!
Lui e la sua famiglia sono una vera ed autentica testimonianza di una piccola realtà contadina di
alta montagna e quale occasione può essere migliore di questa per conoscere ed apprezzare i suoi prodotti bio?

Info Tecniche
Dislivello: 600 m
Durata dell’escursione: 4 h (a titolo indicativo)

 

Giorno 3 – Escursione con momento dedicato al rilassamento profondo
Lago Nero (2.653 mt)
Dopo colazione incontro con Fulvia e partenza per questa ultima giornata di Trekking.

Il Lago Nero ha la caratteristica di regalare bellissimi riflessi e di fare da cornice al rinomato Re delle Alpi Cozie: il Monviso Raggiungeremo il lago partendo dalle Grange Selvest (1661 m) e salendo il sentiero ci regalerà panorami da mozzare il fiato ed ampie vedute. Una volta arrivati al lago cercheremo un posto calmo e pacifico dove poter ritagliare un momento al rilassamento profondo: insieme presteremo attenzione alla nostra respirazione, come riuscire a distendere davvero il nostro corpo, ad allentare la tensione fisica e mentale, a distogliere il pensiero dalle frenesie della vita quotidiana. Dopo questo momento di distensione chiuderemo l’anello ritornando alle nostre auto. Fine servizi.

Info Tecniche:
Dislivello: 700 mt
Durata dell’escursione: 4,5 ore indicative

Sistemazione e Prezzi

Lou Pitavin 11-13 luglio e 19-21 luglio 2021

La Marnu Osteria La Croce Bianca 03-05 settembre 2021

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V190- Val Vermenagna – E-BIKE Via del Sale Classica

V190

MTB E-BIKE Via del Sale classica

Giorni

3

Periodo

luglio agosto e settembre

Località

Attività

icon-cycling
Cycling

Programma

1 Giorno
Arrivo in autonomia in   Val Vermenagna  pronti per affrontare il giorno dopo la famosa “Via del sale”
Con l’ebike anche questa fantastica avventura diventa possibile per bikers con un minimo di esperienza, in grado di affrontare strade di montagna, sentieri e mulattiere. Effettueremo questo percorso in tre giorni, per permetterci di ricaricare le batterie delle bici e ricaricare le nostre energie a fine giornata.
Sistemazione a Limone Piemonte.
Cena a base di prodotti locali (bevande escluse).

 

2 Giorno La Via del Sale
Percorso di fama internazionale caratterizzato da spettacolare bellezza paesaggistica e ambientale che si snoda fra Piemonte, Francia e Liguria. Grazie alle E-bike questa fantastica avventura diventa alla portata di tutti coloro che hanno un minimo di esperienza ciclistica per affrontare strade di montagna. Questa emozionante esperienza di due giorni inizia a Limone Piemonte.
Dopo colazione, di prima mattina, ritrovo presso il punto noleggio di Rideup a Limone ed incontro con una guida professionista di Rideup: caffè, controllo materiali, biciclette e si parte!
Da Limone paese raggiungiamo con nostro furgone il colle di tenda a 1800 mt. Quota, ora si sale in sella e dopo avere attraversato la zona carsica del massiccio del Marguareis, 17km 570mt. dslv+ 420mt. dslv- raggiungiamo il Rifugio Don Barbera presso il Colle dei Signori (2108 mt) dove ci fermeremo per il pranzo e ricarica batterie se necessario. Si riparte, raggiungiamo il Passo di Framargal (2191 mt) da dove inizia una bella discesa nell’idilliaco e fiabesco Bosco delle Navette, arrivati nella conca di Monesi, lassù sulle creste scorgeremo l’ultima destinazione del giorno, il Rifugio Laterza dove ceneremo e ci fermeremo a dormire (2055 mt) 23 km 630 mt. dslv+ 700 mt. dslv- , L’edificio sorge sulla cresta che collega il monte Saccarello al monte Frontè , gode di un panorama incredibile, quando non c’è umidità si vede la Corsica adagiata in mezzo al Mediterraneo !!!
Cena (bevande escluse) e pernottamento.

3 Giorno Dal Monte Scarrello al mare
Dopo un buona colazione e siamo pronti a ripartire, il primo punto di interesse della giornata è il Monte Saccarello, la più alta vetta delle alpi liguri, panorama sempre al top , proseguiamo la traversata transitano presso il Passo Tanarello, Passo di Collardente (1613 mt), Bassa di Sanson (1708 mt) , Caserme di Marta (1974 mt), Col Bertrand (2550 mt), da qui inizia la lunga discesa verso la costa ligure ma prima ci fermiamo per una pausa alla Colla Melosa dove potremo mangiare un boccone e bere una birra. 24 km 670 mt. dslv+ 1160 mt. Dslv-. Dopo oltre 60 km di sterrato potremo proseguire la discesa su asfalto. Se abbiamo ancora voglia di sterrato esistono possibilità per tutte le voglie!! Le strette stradine dell’entroterra ligure sono davvero pittoresche e rilassanti, dapprima in mezzo ai boschi di faggio e castagno che gradualmente lasciano posto ai lecceti, l’aria di mare si fa sentire e anche la temperatura aumenta. Si arriva a Dolceacqua, pittoresco paese medievale col suo bel castello e l’iconico ponte ad arcata unica.
Imbocchiamo dunque la pista ciclabile che condurrà fino a Ventimiglia senza toccare strade trafficate: tuffo in mare, un gelato e ci si prepara a tornare a Limone con lo shuttle Rideup

INFORMAZIONI INTERO PERCOROSO
Quota di partenza:1800m
Quota di arrivo: 0 m
Dislivello + : 1970m
Dislivello – : 3910m
Lunghezza: 105 km
Tempo di percorrenza: 2 giorni
Durata: Rientro previsto per le ore 19:00 del giorno successivo
Data: giugno, luglio, agosto, settembre, 2021
Difficoltà : MC minima capacità ciclistica su strade di montagna

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V189- Valle Pesio – E-BIKE Via del Sale dalla Val Pesio

V188

MTB E-BIKE Via del Sale dalla Val Pesio 24-27 giugno 2021

Giorni

Periodo

5

giugno

Località

Attività

icon-cycling
Cycling

Programma

1 Giorno
Arrivo in autonomia la zona di  Peveragno e Chiusa Pesio in  Valle Pesio .
La zona è molto piacevole e carina, saremo lieti di consigliare o programmare qualche visita interessante in base all’orario di arrivo.
Cena a base di prodotti locali (bevande escluse).
Per chi pernotta in appartamento cena su richiesta
Pernottamento.

2 Giorno Pian del Bosco – Pian delle Gorre
Dopo colazione, incontro con la nostra guida ciclistica professionista Jean Claude Ellena presso il Campeggio Pian Bosco (possibilità parcheggio e noleggio). Orario di incontro intorno alle 09:30

Si parte verso Pilne dell’Olocco, direzione Baudinet. Tappa presso il punto ristoro Le Baite di Baudinet per il pranzo leggero a base di prodotti locali (bevande escluse).
Si riparte dunque alla volta della Certosa di Pesio (luogo di spiritualità e fascino che volendo si può visitare). Si continua il giro Pian delle Gorre. Si arriva verso le 17:00
Cena e pernottamento presso il Rifugio Pian delle Gorre.
Nel caso in cui il tempo a disposizione lo permetta, tappa presso l’Osservatorio Faunistico (a breve distanza dal Rifugio) per l’osservazione di alcuni esemplari di Cervi.
Cena (bevande escluse) e pernottamento.

 

3 Giorno Passo del Duca – Via Del Sale – Rifugio La Terza (sopra Monesi)
Dopo colazione si parte alla volta del Passo del Duca che sono 1000 mt dislivello +, e 10 km di percorso totale. Arrivati al Passo del Duca si passa dal Gias dell’ortica verso Rifugio Morgantini.
Si rientra dunque sulla Via del Sale che arriva da Limone e si arriva al Rifugio Don Barbera per pranzo (bevande escluse)
Si parte lungo la via del Sale, si passa attraverso il “Bosco delle navette” dopo sassi e rocce ci si trova in un bosco di larici e abeti. Passata la statua de il “Cristo Redentore” , punto panoramico incredibile, si raggiuge il Rifugio La Terza dove si cenerà (bevande escluse) e si pernotterà.


5 Giorno Rifugio All’Avena – Dolceacqua – Ventimiglia – mare

Dopo colazione si parte verso Dolceacqua, bellissimo borgo medievale della Val Nevia (Liguria), la parte più antica del borgo è dominata dal Castello Doria. Visita a questo spettacolare Borgo.
Si percorrerà dunque una comoda ciclabile che arriva fino al mare, tempo per un poco di relax e un tuffo al mare. Pranzo non incluso, si potrà pranzare presso il baretto con dehor sulla spiaggia libera.
Trasferimento organizzato per il rientro al campeggio Pian Del Bosco.
Fine servizi


Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V188- Valle Pesio – E-BIKE tra Pesio e Ellero

V188

MTB E-BIKE tra Pesio e Ellero

Giorni

Periodo

3

maggio-ottobre

Località

Attività

icon-cycling
Cycling

Programma

1 Giorno
Arrivo in autonomia la zona di  Peveragno e Chiusa Pesio in  Valle Pesio .
La zona è molto piacevole e carina, saremo lieti di consigliare o programmare qualche visita interessante in base all’orario di arrivo.
Cena a base di prodotti locali (bevande escluse).
Per chi pernotta in appartamento cena su richiesta
Pernottamento.

2 Giorno Baite di Baudinet

Dopo colazione, verso le ore 09:30, incontro con la nostra guida ciclistica professionista Jean Claude Ellena presso il Campeggio Pian Bosco (possibilità parcheggio e noleggio).Partenza in direzione Monte Pigna passando dal Pilone dell’Olocco, dove Jean Claude vi racconterà la storia del pilone delle grazie. Ci si dirige verso Mascarone e si arriva alla Baita Elica dove si pranza
(pranzo incluso bevande escluse). Dopo pranzo si riparte si fa la discesa verso passando attraverso Borgata San Michele e San Paolo. Si farà tappa per aver occasione di visitarle.
Si arriva tardo pomeriggio alle Baite di  Baudinet, piacevoli baite immerse nel verde con vista su Bisalta e catena del Marguareis. Sistemazione in camera.
Cena (bevande escluse) e pernottamento.

3 Giorno Certosia di Pesio
Dopo la colazione in struttura a base di prodotti locali si riparte in direzione Certosa di Pesio , passando per sentieri e mulattiere con degli scorci di paesaggio stupendo, variando in base all’altitudine da piante di castagno, faggi larici e abeti.
Si farà tappa alla Certosa di Pesio, luogo di spiritualità dei Missionari della Consolata. L’antica Certosa ha un fascino particolare e una profonda armonia da affrire.
Dalla Certosa si ritorna verso San Bartolomeo dalla pista di fondo passando attraverso diverse antiche borgate, alcune abbandonate, altre ristrutturate di recente. Si arriva per pranzo alla Trattoria La Posta a Peveragno. Dopo pranzo si continua il giro lungo la “Via dei Morti” direzione Chiusa Pesio e rientro a Pian del Bosco verso le 16:00.
Prima di mettersi sulla strada del ritorno si consiglia di assaggiare una tipica “merenda sinoira” zia del più moderno “apericena”, rigorosamente a base di prodotti locali.

NOTE TECNICHE intero giro:
Quota di partenza:700 m
Quota di arrivo: 1.200 m
Dislivello + : 2.700 m
Dislivello – : 3910m
Lunghezza: 50 km
Tempo di percorrenza: 2 giorni
Difficoltà : MC media capacità ciclistica su strade di montagna

 

 

Sistemazione e Prezzi

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V185- Soggiorno Mare in Calabria

V185

Soggiorno mare Calabria 26 giugno - 05 luglio 2021

From Wikimedia Commons, the free media repository

Giorni

7

Periodo

giugno - luglio

Programma

Prezzo per persona 990 €

La quota comprende:

• Viaggio in autopullman g.t.
• Prima ed ultima notte in transito in mezza pensione in hotel (consigliato uno zainetto con il cambio perché non verrà scaricata la valigia dal pullman); sistemazione presso il Nicolaus Club Salice in camere doppie classic; trattamento di pensione completa soft inclusive
• tessera club; 1 ombrellone + 2 lettini a camera (no prime file); visita guidata alla Certosa di Padula il 2° giorno; ass.ne medico; accompagnatrice.

Trattamento di pensione completa soft inclusive prevede:
pensione completa con acqua, vino, birra, Coca Cola e Aranciata ai pasti. Cocktail di benvenuto alcolico e analcolico con snack. Presso il bar centrale dalle 8 alle 24 e presso il bar spiaggia secondo gli orari di apertura consumo illimitato di acqua naturale, Coca Cola, Aranciata, Gassosa, tè freddo, Succo di frutta e Vegan mix il tutto servito in bicchiere. Snack dolce dalle 14 alle 16 servito presso il bar centrale. A pagamento: le consumazioni di alcolici e superalcolici, nazionali/esteri, caffetteria, bevande e acqua non alla spina, gelati, snack, tutti i prodotti confezionati e tutto ciò che non è incluso nel Soft Inclusive.).

Tassa di soggiorno da regolare in loco.

Supplemento camera singola: €. 230,00 a settimana (max 3 singole) Assicurazione ann.to €. 50 a persona

N.B. trattasi di un Villaggio molto richiesto con clienti abituali, disponibilità molto limitate
Prenotazioni entro il 28/02 versando acconto di €. 350 a persona, saldo entro il 10 giugno

1 Giorno
Partenza ore 3:30 Villafalletto, 4:00 Cuneo P.zza Europa Galleria San Carlo- Soste lungo il percorso per la colazione ed il pranzo liberi. Arrivo nei dintorni di Battipaglia, sistemazione in hotel cena e pernottamento.

 

2 Giorno 
Prima colazione in hotel, proseguimento del viaggio verso la Calabria, sosta a Padula (SA) per la visita guidata alla Certosa di San Lorenzo in Padula, la più grande certosa in Italia, (ingresso €. 10,00). Pranzo libero lungo il percorso. Arrivo a CORIGLIANO CALABRO (CS), sistemazione presso il villaggio Nicolaus Club Salice 4* pomeriggio a disposizione per relax sulla spiaggia e dedicato alla scoperta del resort, cena e pernottamento.

Dal 3 Giorno -07 Giorno
Giornate con trattamento soft inclusive, animazione, spiaggia (COMPRESI 2 LETTINI ED UN OMBRELLONE A CAMERA), oppure escursioni facoltative.

9 Giorno
Prima colazione in hotel, mattinata a disposizione per spiaggia o piscina. Pranzo in hotel. Nel pomeriggio partenza per il viaggio di rientro, sosta in hotel (zona Battipaglia o altra località), cena e pernottamento.

10 Giorno
Prima colazione in hotel, proseguimento del viaggio sosta per il pranzo libero, arrivo previsto a Cuneo in serata.

Escursioni facoltative in loco:
– Visita nel Parco Nazionale del Pollino: Vista dei Pini Loricati Emblema del Parco Nazionale del Pollino.
– Il Parco della Lavanda: un giardino botanico meraviglioso ricco di tantissimi colori un tesoro Calabrese da visitare.
– Il Presepe del Pollino :”Morano Calabro” uno dei Borghi più Belli d’Italia ,visita ai beni culturali , musei , palazzi storici.
– Scoprire la Piana di Sibari: Museo Archeologico della Sibarite e il Parco Archeologico.
– Corigliano Calabro: il Castello Ducale definito come uno “fra i castelli più belli e conservati in Italia “risalente all ‘IX sec.
– Giro in barca dalla Marina di Sibari.
Prezzi a partire da €. 25,00

 

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V184 – Weekend sul Lago di Como

V184

Weekend sul lago di Como 24-25 aprile 2021

From Wikimedia Commons, the free media repository

Giorni

2

Periodo

aprile

Programma

Prezzo per persona 210 €

La quota comprende:
Viaggio in autopullman g.t.; sistemazione in hotel 3* sup. nei dintorni di Como; pensione completa dalla cena del primo giorno fino al pranzo del secondo giorno; 2 intere giornate di visite guidate; biglietto del battello; ass.ne; accompagnatrice.
Ingresso da pagare sul bus: €. 10,00.
Supplemento camera singola: €. 20.
Prenotazioni versando acconto di €. 100 per persona, saldo entro il 15/04

1 Giorno
Partenza ore 6:00 Villafalletto, 6:30 Cuneo P.zza Europa, sosta per la colazione libera. Arrivo a COMO incontro con la guida e navigazione lungo il ramo occidentale del Lago partendo da Como fino a Bellagio, ammirando così le varie ed eleganti Ville che rendono il Lago famoso in tutto il mondo, i paesi tipici e gli angoli più nascosti che si possono vedere solo con il battello. Arrivo a Bellagio, pranzo libero. Nel pomeriggio con il battello si raggiunge Villa Carlotta, visita del giardino botanico e del Museo. Al termine sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

2 Giorno 
Prima colazione in hotel, partenza per COMO, incontro con la guida visita del centro storico a piedi: Piazza Cavour, Piazza Volta, il quartiere della Cortesella, Piazza Duomo, Broletto (esterno), Duomo (esterno + interno), Piazza Verdi, Via Vittorio Emanuele, Piazza San Fedele, Mura medievali con Porta Torre.
Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio salita a Brunate con la funicolare per ammirare la città ed il Lago dall’alto. Al termine partenza per il rientro a Cuneo previsto in serata.

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V183 -Valle Maira – Incontro con la cultura occitana

Giorni

3

Periodo

marzo - novembre

Località

Attività

iconfinder_advantage_eco_friendly_1034358 (2)
Montagna esperienziale

Programma

1 Giorno Arrivo in Valle Maira 

L’Occitania non è uno Stato né mai lo fu: è uno spazio culturale e linguistico che da oltre 1000 anni ha come denominatore comune una lingua romanza chiamata Occitano.
Le valli occitane d’Italia si estendono sulle province di Cuneo, Torino e Imperia.
In Piemonte, da sud verso nord, la piccola Occitania d’Italia si estende sul territorio cuneese dall’Alta Corsaglia e Maudagna alle valli Ellero, Pesio, Vermenagna, Gesso, Stura, Grana, Maira, Varaita.
Arrivo in autonomia in Valle Maira a Roccabruna di Dronero e sistemazione presso la Locanda occitana Ca’ Bianca.
Accoglienza in locanda da parte della nostra guida turistica Elena Giordanengo con breve presentazione del territorio e della cultura occitana.
Cena in locanda con piatti tipici (bevande escluse)
Dopo cena, Elena e Maurizio, che fanno parte dei gruppo musicale Gai Saber, gruppo fondato nel 1992 il cui obiettivo è stato l’unione della musica di danza occitana e dei brani dei trovatori medievale con la sonorità della musica di oggi.
Scoprirete ghironde, galobet, semiton e imparerete a riconoscere corente e balet!
Pernottamento

 



2 Giorno La cultura Occitana
Dopo la colazione incontro con la nostra guida turistica Elena Giordanengo e visita del museo occitan Sòn de Lenga di Espaci Occitan
Un intero museo esperienziale dedicato alla cultura occitana, il punto di partenza ideale per la visita nelle valli di lingua d’òc, illustra con un approccio gradevole e dinamico la straordinaria tradizione letteraria, la musica, la storia e tutti gli aspetti della vita materiale e sociale del territorio di lingua d’òc.
Visita all’antico mulino della Riviera di Dronero.
Piccola perla nascosta nella Val Maira, l’antico mulino della Riviera di Dronero spicca per la sua storia antichissima e affascinante. Guidati dalla famiglia Cavanna, attuali proprietari del mulino, potrete visitare il mulino ad acqua, costruito circa 600 anni fa da monaci benedettini, ascoltarne la storia e capire il funzionamento di ogni macchina. Potrete vedere come vengono prodotte le speciali farine della famiglia Cavanna, dalla scelta dei semi alla macinazione a pietra, fino ai prodotti finiti e pronti per essere venduti. La visita termina in dolcezza con una visita del biscottificio, dove potrete acquistare le farine per pane e per dolci prodotte all’interno del mulino dalla famiglia Cavanna e assaggiare i gustosissimi biscotti artigianali fatti proprio con quelle eccezionali farine.
Passeggiata per il centro storico medievale di Dronero
Pranzo incluso in una tipica Locanda Occitana (bevande escluse)
Dopo pranzo breve passeggiata su sentiero per raggiungere la chiesa di San Peyre di Stroppo – una delle più interessanti testimonianze architettoniche e artistiche della Val Maira. Domina il vallone di Stroppo con la mole slanciata del suo campanile gotico. Conserva una serie di affreschi eseguiti da quattro artisti anonimi tra XIV e XVI secolo.
Rientro in struttura e tempo per il relax.
Cena e pernottamento

3 Giorno Ciciu del Villar

Dopo colazione incontro con la guida turistica professionista e Visita alla Parrocchiale San Pietro in Vincoli a Villar San Costanzo
L’attuale chiesa parrocchiale di Villar San Costanzo si trova sul sto di un’antica abbazia benedettina.
Di notevole pregio la cappella funeraria quattrocentesca dell’abate Giorgio Costanzia di Costigliole le cui pareti furono affrescate da Pietro di Saluzzo con scene della vita e del martirio di San Giorgio. Di assoluto rilievo è anche la cripta benedettina, sottostante alla chiesa.

Riserva Naturale Ciciu del Villar
L’area dei Ciciu del Villar rappresenta, dal punto di vista naturalistico, un’autentica rarità all’interno del patrimonio ambientale piemontese, sia per le importanti peculiarità geologiche – le caratteristiche colonne di erosione a forma di fungo – che la rendono unica nel suo genere, sia per la ricchezza della fauna che è possibile osservare nei pochi ettari destinati a protezione.
Fine servizi

 

Sistemazione e Prezzi

Ca' Bianca Locanda Occitana

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •