V155 – Valle Maira – Il giro dei laghi

V155

Il giro dei laghi
31/07-04/08 2021 e 8/12 settembre 2021

From Wikimedia Common

Giorni

5

Periodo

settembre

Località

Attività

icon-trekking
Escursione

Programma

Giorno 1 Arrivo
Un tour di qualche giorno alla scoperta dei più bei laghi della Valle Maira, incastonati in ambienti unici”
Arrivo in modo autonomo in Valle Maira.
In base al vostro orario di arrivo sarò lieta di indicarvi alcune attrazioni interessanti da visitare per approfondire la conoscenza del territorio.
Arrivo a Chialvetta, sistemazione in struttura.
Cena e pernottamento.

Giorno 2 –  Laghi Roburent (2428 mt)
Dopo colazione incontro con la guida escursionistica Fulvia Giardi e partenza per i laghi, che condividono i confini con la Valle Stura, ci permetteranno di scoprire una delle linee difensive costruite da Mussolini su parte delle Alpi.
(Pranzo al sacco)
Dopo esserci rilassati vicino alle incantevoli acque dei laghi, scenderemo a Chialvetta. Qui sarà possibile, per chi lo desidera, visitare il Museo Etnografico “La Misoun d’en bot” (in occitano “La casa di una volta”). Museo che raccoglie la bellezza di 1500 pezzi diversi del vivere quotidiano passato o di vecchi mestieri della Valle Maira
(Costo della visita al Museo Etnografico “La Misoun d’en bot”: 3 € per persona)
Rientro in struttura cena e pernottamento

Info tecniche:
Dislivello 1.100 mt
Durata escursione: circa 6,5 ore indictive

Giorno 3 – Lago Visaisa (1900) e Lago Apzoi (2296 m) – Sentiero Pier Giorgio Frassati
Dopo la colazione incontro con Fulvia e partenza per uno dei giri ad anello più belli che la Valle Maira ci possa offrire.  Partenza direttamente da Chiappera.
Un percorso unico sotto molteplici aspetti: dal punto di vista panoramico per la vista dei laghi e degli spazi immensi che li circondano, dal punto di vista storico-culturale perché fu parte del Vallo Alpino del Littorio, storica linea difensiva voluta da Mussolini, dal punto di vista naturalistico perché qui si possono trovare innumerevoli specie botaniche anche rare e, a seconda della stagione, l’incontro con la fauna selvatica come marmotte, camosci, ermellini o grifoni non è una rarità. Scoprire questo tesoro facendoci guidare e scoprirne tutti i segreti sarà lo scopo della nostra giornata.
Rientro in struttura, tempo per relax
Cena e pernottamento

info tecniche:
Dislivello 900 mt
Tempo di cammino indicativo 6 ore

Giorno 4 – Laghi di Roure (2653 mt)
Oggi Fulvia vi condurrà in un’escursione lungo un sentiero con pendenza abbastanza regolare e che regala un panorama davvero sorprendente: ampie praterie alpine, imponenti picchi ed una vista eccezionale sul simbolo per eccellenza della Valle Maira: la Rocca Provenzale. Lungo la salita avremo la possibilità di vedere moltissime marmotte che proprio in questo luogo trovano rifugio, mandrie al pascolo e con buona fortuna, forse, anche qualche stambecco. L’unicità di questo posto la fanno anche un antico ghiacciaio, la sorgente Greta ed un’opera d’arte in pietra a forma di nave.
(Pranzo al sacco)
Rientro in struttura, cena e pernottamento.

info tecniche
Dislivello 1.000 mt
Tempo di cammino indicativo 6 

Giorno 5 – Lago Camoscere
Colazione in struttura e check-out. Incontro dunque con la nostra Fulvia e partenza per un itinerario estremamente panoramico, con una vista che può spaziare su tutta la Valle Maira, la vicina Valle Varaita e fino al Monviso. (pranzo al sacco)
Partenza dal Colle di Sampeyre, trasferimento con la propria auto (dovendo poi rientrare a casa).
Il lago Camoscere si trova al cospetto del piccolo Cervino della Valle Maira, ovvero il Monte Chersogno ed il suo dirimpettaio: il Pelvo d’Elva. Due monti di 3000 metri che incantano per la loro maestosità. Elva è sicuramente il fiore all’occhiello della Valle Maira. Proprio in questa frazione si erge la chiesa Parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta che cela al suo interno un vero gioiello: il ciclo di affreschi di Hans Klemer, pittore itinerante fiammingo, in attività alla fine del 1400 e che regalò alla nostra valle questa piccola Cappella Sistina. La parrocchiale sarà visitabile a fine escursione come il “Museo dei Pelassier” i Raccoglitori di Capelli antico mestiere itinerante che fece conoscere Elva in tutta Europa e che rappresenta una delle storie più affascinanti dell’arco alpino.

Info tecniche
Dislivello 650 mt
Tempo di cammino indicativo 6 ore 

Sistemazione e Prezzi

La Locanda di Chialvetta 31 luglio - 04 agosto 2021

Hotel Le Marmotte 08-12 settembre 2021

  • Prenotazione

    Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

  • Contattaci usando WhatsApp

    oppure
    inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
    • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
    • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
  • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
  •  

V143 – Valle Maira – Alla scoperta della valle più autentica

V143

Alla scoperta della valle più autentica
04-09 luglio 2021

Giorni

7

Periodo

luglio

Località

Attività

icon-trekking
Escursione

Programma

Una settimana che vi porterà alla vera scoperta della Valle Maira con la nostra guida escursionistica e accompagnatrice turistica  Fulvia Girardi.  Fulvia vi svelerà i  segreti di questo territorio,  Quali sono le esperienze uniche che potrete fare? Fermarvi a degustare e scoprire i segreti dei mieli biologici alpini, cosa sono e come fare le Raviolos piatto tipico della cucina popolare Occitana, assaporare il vero gusto del Nostrale d’Alpe prodotto a 1600 m, conoscere cappelle con affreschi della fine del ‘400 ed antichi mestieri come quello dei “Pelassiers” (Raccoglitori di Capelli), essere allietati dalla musica tipica Occitana dal vivo.

Giorno 1 
Arrivo in Valle Maira  in automonomia e sistemazione presso l’agriturismo il Chersogno Sistemazione alberghiera: Agriturismo Il Chersogno a San Michele di Prazzo. Incontro con Fulvia in agriturismo verso le 19:00, per potersi conoscere meglio davanti ad un aperitivo di benvenuto e per la presentazione della settimana che vi attende!
Cena inclusa e pernottamento

Giorno 2 – Da Castiglione (1477 mt) ad Ussolo (1337 mt)
Dopo la colazione incontro con la guida Fulvia (pranzo al sacco dell’escursionista incluso).
Transfer incluso alla borgata di Castiglione (1477 m) affascinante borgata che ci dà il benvenuto con passaggi coperti, colonne rotonde (tipiche dell’architettura della Valle Maira) e la vista di un antico mulino abbandonato. Prenderemo il sentiero boscoso che si inerpica, a tratti ripido, verso la Punta Albeno (1796 m) punto più alto della nostra giornata, che ci regalerà una vista spettacolare su tutto il Vallone di San Michele di Prazzo e l’alta Valle Maira. Scenderemo,  verso la frazione di Ussolo.
Dopo aver preso il tempo di visitare questa piccola frazione, godere di un buon picnic all’aria aperta rientreremo con il pulmino al nostro agriturismo dove ci attenderà una degustazione di mieli tipici alpini, con spiegazione della loro produzione e di come poter aiutare le api nel loro lavoro.
Cena  e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello 320 metri
tempo di percorrenza circa 4 ore
  

Giorno 3 – Lou Viol dal Genestier (il Sentiero delle Ginestre)
Colazione in struttura e incontro con Fulvia (pranzo al sacco dell’escursionista incluso).
Oggi partiremo direttamente dal nostro agriturismo ad Allemandi (1545 m) alla scoperta di questo bellissimo giro ad anello. Questo sentiero è celebre per via della rara Genista cinerea che fiorisce in particolare a maggio. Il cammino di oggi si snoda per la maggior parte di tempo su strada sterrata, con una piccola salita alla Charjia d’Ase (1650 m) che ci regalerà una vista unica sull’Orrido di Elva e tutta la media valle. Continueremo il nostro giro affrontando la discesa un po’ più ripida e su sentiero fino alla Punta Ruvera (1400 m), un altro punto estremamente panoramico per poi prendere una strada  sterrata che ci condurrà a San Michele, per una visita della sua imponente chiesa ed al centro abitato per poi risalire ad Allemandi. Pronti a diventare cuochi? Questa sera si cucina! La nonna di casa Allemandi ci darà dimostrazione pratica di come si cucinano le “Raviolos”, tipici gnocchi di patate delle Valli Occitane. Quindi, tenetevi pronti ad appuntare la ricetta ed a mettere le mani in pasta! Si cucina!
Cena e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello 300 metri
tempo di percorrenza circa 2,30

Giorno 4 – Grange Murlone (2013 m)
Colazione in struttura ed incontro con Fulvia e partenza con il nostro pranzo al sacco incluso.
Transfer incluso da Allemandi Marmora borg. Superiore e viceversa 17 km – 40 min.
Uno dei punti più panoramici e facilmente raggiungibili della Valle Maira è quello delle Grange Murlone (2013 m), un vero compasso della valle, dove la vista si perde a 360° fino a vedere il Re delle Alpi Cozie: il Monviso e, se si ha voglia di Salire fino al Monte Buch (2111m), su tutta la Valle Maira da Dronero fino ad Acceglio. Il percorso è semplice: buona parte su strada sterrata, all’interno di un bosco di larici, per poi salire su un dolce crinale fino alle baite (grange in Occitano). Il rientro si farà lungo lo stesso percorso fino a ritornare alla frazione Superiore (1524 m), dove faremo visita al caseificio di Serra Sergio, allevatore di vacche di razza Piemontese ed ottimo produttore del formaggio tipico della Valle Maira: il Nostrale d’Alpe. Sergio ci attenderà per offrirci un’ottima merenda alla montanara a base dei suoi prodotti: pane e burro e marmellata oppure yogurt o un assaggio dei suoi formaggi. Transfer di ritorno ad Allemandi (17 km – 40 min)
Cena inclusa e pernottamento

Info tecniche:
Dislivello 460 metri
tempo di percorrenza circa 4 ore

Giorno 5 – Elva (1639 m) passando per il Colle di San Michele (1932 m)
Dopo colazione incontro con Fulvia e partenza direttamente dal nostro agriturismo andremo verso il Colle di San Michele (1932 m) su un comodo sentiero in salita, ma celebre perché zona abitata da “masche” (streghe in Occitano)! Il Colle di San Michele sarà il nostro punto più alto, con una superlativa panoramica. Da qui prenderemo il sentiero che scende e che ripercorre l’antica via medievale che collegava tutti i centri abitati della Valle Maira. Con una lunga discesa nel fresco bosco raggiungeremo Chiosso (1523 m) piccola frazione del comune di Elva, per poi prendere la strada asfaltata che ci porterà a Serre (1639 m), cuore di Elva e fiore all’occhiello della Valle Maira. Proprio in questa frazione si erge la chiesa Parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta che cela al suo interno un vero gioiello: il ciclo di affreschi di Hans Klemer, pittore itinerante fiammingo, in attività alla fine del 1400 presso il Marchesato di Saluzzo e che regalò alla nostra valle questa piccola Cappella Sistina. Completeremo poi la giornata con la visita del Museo dei Pelassier (raccoglitori di capelli) antico mestiere che fece conoscere Elva in tutta Europa. Questa è la nostra ultima sera e qual’è il modo migliore per salutarci se non quello di farlo in musica? I “Giari” (topi in Occitano) della casa Allemandi ci faranno conoscere la musica Occitana e rallegreranno l’atmosfera con canti e suoni tipici e, se lo vorremo, potremo buttarci nelle danze

Info tecniche:
Dislivello 550 metri
tempo di percorrenza circa 5 ore

Giorno 6 – Riserva Naturale dei Ciciu del Vilar
Questo è il giorno che chiuderà la nostra settimana, dopo aver salutato il nostro agriturismo, scenderemo a Villar San Costanzo (644 m) per addentrarci nel magico mondo de “I Ciciu del Vilar” (Ciciu in piemontese significa fantocci). In questa Riserva Naturale, all’interno di un bosco di querce, roverelle e castagni, spuntano curiosi e pittoreschi questi funghi di pietra davvero particolari ed unici. Sono molte le ipotesi e le leggende che ci aleggiano intorno, ma la storia geologica di questo posto ne svelerà il mistero. Finita la passeggiata in questo posto incantato potremo salutarci e dirci “Arrivederci ed alla prossima!” Fine dell’escursione previsto per le ore 14:00.
Fine servizi

Sistemazione e Prezzi

Agriturismo Al Chersogno

    Indica il numero di partecipanti


    Dati del partecipante responsabile della prenotazione








    Numero:

    Emissione:
    Scadenza:

    Nome del Secondo partecipante


    Nome del Terzo partecipante


    Nome del Quarto partecipante


    Nome del Quinto partecipante


    Nome del Sesto partecipante


    Nome del Settimo partecipante


    Nome dell'Ottavo partecipante


    Nome del Nono partecipante


    Nome del Decimo partecipante


    Informativa Privacy



    V142 – Valle Stura – Le Vie del Contrabbando

    V142

    Le Vie del Contrabbando
    15-18 luglio 2021

    Giorni

    4

    Periodo

    luglio

    Località

    Attività

    icon-trekking
    Escursione

    Programma

    Arrivo in Valle Stura con i propri mezzi e sistemazione presso il 
     Rifugio Becchi Rossi.
    Cena in struttura e pernottamento

    NB: La sistemazione è prevista in camerata
    Cena e pernottamento

    2 giorno Il Confine Italo-francesce del Colle Ferro
    Dopo colazione incontro con una  guida escursionista professionista del gruppo “Sport and Mountain Spirit”  a Bersezio per il breve breefing.
    Se necessario spostamento con la propria auto (per gruppi di 6/8 persone trasferimenti organizzati su richiesta)
    L’escursione partirà con la visita di Ferrere, un pugno di case abbracciate le une alle altre a circa 1900 metri di altitudine, testimonianza di una terra dura, di frontiera e di contrabbando.
    Una piccola borgata abitata da grandi lavoratori, contadini e pastori.
    Da questo borgo di montagna, sapientemente restaurato, si partirà per il viaggio verso la Francia, ripercorrendo le orme di chi, in tempi passati, organizzava dei veri e propri scambi clandestini al di là del confine. Risalendo l’ampio Vallone Forneris, tra pascoli e verdi prati, raggiungerete il Colle Ferro. Questo colle è sempre stato un importante punto di collegamento, nonché balcone naturale dal quale potrete godere una vista spettacolare sulle valli circostanti.
    (Pranzo al sacco)

    Al termine dall’escursione visita al Museo del Contrabbandiere La “Mizoun dal Countraban-dìer” è un percorso museale nella borgata di Ferrere di Argentera che racconta dell’antica e tradizionale pratica del contrabbando.  Rientro in Rifugio.
    La guida escursionistica si fermerà con voi per la cena e per il pernottamento.

    Info Tecniche
    Dislivello 800 metri
    Km 11

    3 giorno Giro dei Laghi di Sant’Anna (2460 mt)
    Colazione in struttura.
    Check-out dal Rifugio e spostamento in auto, al seguito della guida escursionistica,  fino al Santuario di Sant’Anna (1 oretta di spostamento)

    Partenza  escursione in un altro nodo cruciale del contrabbando locale.
    (pranzo al sacco)
    Oggi il trekking vi porterà tra Francia ed Italia in luoghi caratterizzati da panorami di alta montagna da un vago sapore di sacralità.
    L’itinerario parte dal Santuario di Sant’Anna di Vinadio, luogo visitato da migliaia di pellegrini. Da su-bito incontreremo i primi laghi alpini e poco dopo raggiungeremo il confine di Stato. La vista su questo percorso a mezzacosta cambia continuamente lasciandovi senza parola per la meraviglia dei paesaggi incontaminati.
    Si ritornerà al punto di partenza passando per meravigliosi specchi d’acqua (in totale 6 laghi). Una vera escursione “sul filo del cielo” per elevarsi e ritornare gratificati.

    Dopo l’escursione sistemazione presso l’hotel Regina delle Alpi.
    (L’hotel dispone di un centro benessere dove potrete concedervi un poco di relax a fine giornata)
    Cena e pernottamento

    Info tecniche
    Dislivello: 800 mt
    Lunghezza: 10 km
    Difficoltà: adatto ad escursionisti abituati a camminare

    4 giorno Le Nove Borgate
    Colazione in struttura.
    L’ultimo giorno, sempre con la nostra guida escursionistica faremo il giro delle 9 Borgate che parte e torna dal centro di Sambuco, fattibile in due opzioni a seconda delle decisioni dei partecipanti.
    Entrambe con la stessa partenza (da Sambuco verso borgata Chiardoletta) La prima prevede di scendere a Sambuco appena prima di arrivare a borgata Serre Bianco, la seconda raggiunge il paese dopo esser passati per le frazioni Moriglione di Fondo e Moriglione San Lorenzo.
    Al termine dell’escursione visita all’Apiario di Fossati che propone, oltre i suoi prodotti anche sedute di Apiaromaterapia e Apisound (possiamo prenotare per voi i trattamenti).
    Faremo anche visita a Marta e ai suoi prelibati formaggi della “Meisoun dei Roc”.
    (Per maggiori informazioni leggi nella Pagina Valle Maira)
    Pranzo libero
    Fine servizi.

    Info tecniche  (opzione corta)
    Dislivello: 360 mt
    svilupp: 6,5 km

    info tecniche (opzione lunga)
    Dislivello: 550 mt



    Sistemazione e Prezzi

    Rifugio Becchi Rossi

    Hotel Regina delle Alpi

      Indica il numero di partecipanti


      Dati del partecipante responsabile della prenotazione








      Numero:

      Emissione:
      Scadenza:

      Nome del Secondo partecipante


      Nome del Terzo partecipante


      Nome del Quarto partecipante


      Nome del Quinto partecipante


      Nome del Sesto partecipante


      Nome del Settimo partecipante


      Nome dell'Ottavo partecipante


      Nome del Nono partecipante


      Nome del Decimo partecipante


      Informativa Privacy



      V141 – Valle Maira – Itinerario naturalistico-gastronomico

      V141

      Itinerario naturalistico-gastronomico
      22/24 ottobre 2021

      Giorni

      3

      Periodo

      settembre -ottobre

      Località

      Attività

      icon-trekking
      Escursione

      Programma

      1 giorno
      Arrivo in Valle Maira con i propri mezzi e sistemazione presso la Locanda Campo della Quercia.
      Il Vallone di Pagliero si snoda sinuoso sul versante assolato della bassa Valle Maira, è un luogo magico, poco frequentato che offre molte possibilità in ogni stagione.
      Il weekend di trekking che proponiamo è adatto a persone abituate a camminare, ma non presenta particolari difficoltà.
      Attraverso l’escursionismo vi porteremo alla scoperta di antiche mulattiere, borgate che ricordano vecchie fotografie, progetti innovativi e vi faremo assaggiare i meravigliosi prodotti del territorio di San Damiano Macra.
      Cena e pernottamento (bevande escluse)

      2 giorno Escursione ad Anello Monte Birrone (2131 mt)
      Colazione in struttura ed incontro con una guida escursionistica professionista del grupppo “Sport and Mountain Spirit”
      (pranzo al sacco)
      Si partirà direttamente dalla struttura alla volta di una delle cime più alte e significative della bassa Valle Maira. Dalla cima potrete godere di una vista da togliere il fiato.
      Rientro in struttura e tempo per il relax.
      Cena e pernottamento

      Info tecniche
      Dislivello 840 m
      lunghezza 15 km

      3 giorno Sulle Orme dei pastori del Puy
      Colazione in struttura ed incontro con la guida escursionistica professionista.
      (pranzo al sacco)
      L’ultimo giorno sarà decisamente più rilassante, dedicato alla scoperta delle realtà agro-pastorali della zona. Lasceremo la locanda e scenderemo in direzione san Damiano, fermandoci prima a Chiabrieri, per visitare l’azienda agricola famigliare “I Ciabrie”, che produce formaggi di capra, dove potremo degustare i diversi prodotti stagionali.
      In tarda mattinata raggiungeremo Borgata Podio, una manciata di case, dove le famiglie collaborano per portare avanti un progetto di conservazione e rinnovamento dell’economia della zona. Il ritmo di borgata Podio è quello del pascolo delle capre e della produzione del formaggio caprino.
      In questo angolo di bassa valle, lontano dai luoghi più battuti e turistici, è possibile ammirare la natura, godere panorami indimenticabili e conoscere una realtà uniche nel loro genere, quella dell’azienda agricola “Lo Puy Chabrochanto che produce formaggio caprino e quella di “Lo Grasal” una piccola azienda che produce ceramiche e si occupa di coltivazione di piccoli frutti.
      Conoscerete i pastori, il loro lavoro, i ritmi di vita della montagna. Tutto questo dopo aver percorso il Sentiero del Puy un anello che parte da Podio e arriva a Podio attraverso boschi di castagne e borgate ben conservate.
      La giornata si concluderà con una degustazione dei diversi prodotti delle aziende del Puy

      Info tecniche
      Dislivello 100 m
      lunghezza 5 km

      Sistemazione e Prezzi

      Locanda il Campo della Quercia

        Indica il numero di partecipanti


        Dati del partecipante responsabile della prenotazione








        Numero:

        Emissione:
        Scadenza:

        Nome del Secondo partecipante


        Nome del Terzo partecipante


        Nome del Quarto partecipante


        Nome del Quinto partecipante


        Nome del Sesto partecipante


        Nome del Settimo partecipante


        Nome dell'Ottavo partecipante


        Nome del Nono partecipante


        Nome del Decimo partecipante


        Informativa Privacy



        V140 – Valle Maira – All’ombra del grande gigante buono

        V140

        All'ombra del grande gigante buono
        09-12 settembre 2021

        Giorni

        4

        Periodo

        giugno-settembre

        Località

        Attività

        icon-trekking
        Escursione

        Programma

        1 giorno
        Arrivo in Valle Maira con i propri mezzi.
        Sistemazione presso la struttura. Il nostro weekend si svolgerà nel Vallone di Prezzo, un piccolo mondo a parte, ricco di pascoli e graziose borgate nella parte inferiore. In questa 3 giorni potremo salire uno dei 3000 che fanno parte del “trittico” Chersogno-Pelvo-Marchisa. Un’esperienza intensa e di grande soddisfazione. Per arrivare a questo, faremo una sorta di “acclimatamento” godendoci le prelibatezze dei produttori locali e visitando i migliori sentieri nei boschi e borgate intorno a San Michele di Prazzo. Valore aggiunto al weekend sarà dato dai racconti delle leggende (ad esempio la Battaglia dei Grich) e delle tradizioni, il tutto gustando dell’ottimo cibo locale a chilometri zero.
        Cena e pernottamento (bevande escluse)

        2 giorno Il Sentiero del Genestè (1680 mt)
        Colazione in struttura ed incontro con una  guida escursionistica professionista del gruppo Sport and Mountain Spirit”
        L’itinerario può partire dalla Tano del Grich oppure da Borgata Allemandi. Breve spostamento se necessario in base al punto di partenza.
        Un percorso semplice che dopo una ripida salita in un bosco di noccioli e abeti vi porta ad uno splendido sentiero panoramico, una balconata sulla Valle Maira.
        Lungo il cammino si incontreranno antiche borgate, interessante la borgata di San Vittore da un punto di vista architettonico e per la sua cappella posta su uno sperone di roccia in posizione panoramica.
        Questa zona è stata riconosciuta nel 2000 Sito di Interesse Regionale proprio per via della grande presenza della “Ginestra cinerea” diffusissima in Provenza, ma specie rara in Italia e presente solo in Liguria, nelle Alpi Marittime e nelle Alpi Cozie meridionali. (pranzo al sacco)
        Rientro in struttura.
        Potrete far visita a Corrado della Tano del Grich e ai suoi asini o effettuare una visita all’azienda agricola dell’Agriturismo Al Chersogno con degustazione del miele.
        Cena e pernottamento.

        Info Tecniche
        Dislivello: 350 metri

        3 giorno Escursione al Lago Camoscere (2650 mt) o Monte Chersogno (3024 mt)
        Colazione in struttura e pranzo al sacco preparato dalla struttura.
        Incontro con la nostra guida escursionistica professionista.
        Oggi si affronterà una vera e propria salita in montagna. In base alla giornata e alle capacità dei partecipanti si potrà scegliere la propria meta, magari fermandosi al Lago Camoscere.
        Breve spostamento con la propria auto o con trasferimento organizzato su richiesta.
        Partirete da dolci pascoli adagiati sui pendii della conca di Elva per passare all’altopiano roccioso del Lago Camoscere, un meraviglioso lago alpino posto su una balconata che si affaccia sulla valle. La salita poi cambia e diventa prettamente da alta montagna, guadagnerete il Colle Chersogno e passando per una cresta si raggiungerà l’affilato intaglio che ci separa dal pendio finale.

         

        4 giorno Escursione sul sentiero dei pastori, da borgata Campiglione (2650 mt)
        Colazione in struttura ed incontro con la nostra guida escursionistica professionista Ludovica.
        (pranzo al sacco dell’escursionista incluso).
        Oggi percorrerete un bellissimo anello che vi porterà sulla cresta panoramica che mette in comunicazione il vallone di Prazzo con la valletta di Ussolo. Passeremo attraverso le “Porte di Roma” e rientreremo per il Monte Chirlé lungo prati pascolivi e boschi di larici. Al rientro avremo modo di vivere un salto indietro nel tempo. Visiteremo un piccolo caseificio di alta montagna, proprio nella borgata Campiglione, gestito da una famiglia di giovani coraggiosi che portano al pascolo 200 mucche e producono alcuni formaggi deliziosi. Degusteremo i loro prodotti squisiti e finiremo questo viaggio sulle montagne della Valle Maira nel migliore dei modi.
        Rientro in struttura per ritirare i bagagli.
        Prima di partire si consiglia di provare la tipica “Merenda Sinoira Piemontese” zia del più moderno “apericena” rigorosamente a base di prodotti locali.
        Fine servizi

        Info tecniche:
        Dislivello: 1100 mt
        Difficoltà intermedio

        Sistemazione e Prezzi

        Tano del Grich

          Indica il numero di partecipanti


          Dati del partecipante responsabile della prenotazione








          Numero:

          Emissione:
          Scadenza:

          Nome del Secondo partecipante


          Nome del Terzo partecipante


          Nome del Quarto partecipante


          Nome del Quinto partecipante


          Nome del Sesto partecipante


          Nome del Settimo partecipante


          Nome dell'Ottavo partecipante


          Nome del Nono partecipante


          Nome del Decimo partecipante


          Informativa Privacy



          V138 – Valle Pesio – Alla scoperta degli animali del bosco

          V138

          Alla scoperta degli animali del bosco 13-14 marzo 2021

          Giorni

          2

          Periodo

          marzo

          Località

          Attività

          iconfinder_deer_animal_nature_wildlife_wild_forest_antler_5296651
          Safari Alpino

          Programma

          1 giorno I suoni del bosco all’imbrunire
          Arrivo in Valle Pesio con i propri mezzi.
          Appuntamento alle 16:00 davanti alla Chiesa di Vigna con il nostro esperto di fauna locale Luca Giraudo. Luca appassionato di avifauna, ottiene nel 1992 l’abilitazione da accompagnatore naturalistico, dopo aver svolto il compito di guardiaparco al Parco Naturale Alpi Marittime si dedica a tempo pieno all’attività di guida escursionistica ed ornitologo.
          Si partirà dunque verso le Baite di Baudinet, dopo pochi km di cammino si incontrerà Borgata Fiolera dove sorge la Chiesetta di San Lorenzo, di epoca certosina, con affreschi ben conservati. Tappa esclusiva per una breve visita.
          L’imbrunire è per il bosco un momento davvero magico, un attimo in cui tutto è silenzio. L’imbrunire è, per il bosco, un momento veramente magico, un attimo in cui tutto è silenzio. Gli uccelli diurni, poco prima attivi e vociferi, si quietano. I mammiferi, solitamente elusivi e timorosi, escono dai loro rifugi, allocchi, gufi e civette iniziano ad attivarsi e, talvolta, tradiscono la loro presenza con il canto. Insieme, in silenzio, potremo cogliere questo momento e vivere emozioni veramente intime e ancestrali, di cui ci ricorderemo a lungo.
          Dopo circa 45 minuti di cammino arriverete alle Baite di Baudinet.
          Sistemazione nelle camere, tempo per il relax e cena.
          Cena a base di prodotti del territorio
          (3 antipasti + 1 primo +1 secondo +1 dolce acqua e caffè inclusi)
          Pernottamento

           

           

          2 giorno La primavera sta arrivando
          Dopo la colazione incontro con Luca alle Baite e partenza per l’escursione alla scoperta delle tracce degli animali del bosco e del canto degli uccelli.
          La primavera sta arrivando: Un pettirosso gorgheggia dalle fronde, nascosto alla nostra vista, mentre una cinciallegra salta di ramo in ramo ed emette il suo ritmato canto territoriale. Il merlo, dalla voce possente, tenta di attirare una femmina con cui riprodursi anche quest’anno. Tutto il bosco è pervaso dai suoni degli uccelli, la primavera è alle porte!
          Alcune impronte sono rimaste nella neve, appaiate e distanziate: a un osservatore attento dicono che l’animale, un capriolo, stava saltando. Fuggiva? Inseguiva un altro capriolo? Seguendole scopriremo certamente qualcosa.
          Cammineremo lentamente alla scoperta dei suoni degli uccelli, vi racconterò molte cose su di loro e scopriremo insieme alcuni dei loro segreti. Il mondo alato è straordinario e noi potremo emozionarci nel tentare di comprenderlo. Rientro alle Baite dove Anna Maria e Ferdinando vi aspetteranno per il pranzo.
          (tagliere salumi + polenta taragna con formaggi e salsiccia + dolce)
          Tempo per il relax e discesa verso le auto! 
          Fine servizi

          Note Tecniche

          • Escursione: di mezza giornata (4 ore) mattino o pomeriggio
          • Difficoltà: bassa – L’itinerario, scelto in base alle condizioni meteorologiche del momento, non presenta difficoltà tecniche, ma richiede una minima abitudine a camminare in ambiente naturale.
          • Dislivello positivo: massimo 200 m
          • Tempo: 2-3 ore di cammino A/R

           

          Sistemazione e Prezzi

          Le Baite di Baudinet

          • Prenotazione

            Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

          • Contattaci usando WhatsApp

            oppure
            inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
            • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
            • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
          • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
          •  

          V137 – Valle Pesio – Weekend di Avvicinamento al Nordic Walking

          V137

          Weekend di avvicinamento al Nordic Walking

          Giorni

          3

          Periodo

          marzo - maggio

          Località

          Attività

          iconfinder_camping_nature_tools_holidays_forest-16_5982103
          Nordic Walking

          Programma

          1 giorno Uscita di avvicinamento
          Arrivo a Peveragno in Valle Pesio con i propri mezzi. Sistemazione presso la struttura prescelta ed incontro con il nostro istruttore nazionale di Nordic Walking SINW Luca Giraudo per l’uscita di avvicinamento.
          Luca conosce questi luoghi da quando adolescente li percorreva alla scoperta di sentieri e di strade forestali allora sconosciute, la sua passione è quella di condividere con voi l’esperienza del nordic walking portandovi nel contempo a conoscere la realtà locale, i monumenti storici e ambienti naturali ancora incontaminati.
          L’uscita di oggi è organizzata per impartire i primi rudimenti del Nordic Walking su un itinerario pianeggiante, l’istruttore vi condurrà ad apprendere la tecnica di base che vi permetterà di approfittare appieno delle escursioni nel cuore dei nostri boschi.
          Luca, che è anche guida naturalistica ed escursionistica, vi racconterà la storia dei luoghi che attraverserete e vi farà scorgere un pettirosso o un cinciallegra gorgheggianti tra le fronde.
          Rientro in struttura e tempo per il relax.
          Potrete approfittare della Sauna Finlandese immersa nel verde ( su prenotazione)
          Cena libera o inclusa su prenotazione.
          Pernottamento.

          2 giorno Escursione di mezza giornata (3 ore)
          Colazione in struttura a base di prodotti locali.
          Incontro con Luca e partenza per l’itinerario scelto in base alle capacità dei partecipanti. Il territorio della Bisalta è ricco di itinerari pianeggianti e collinari.
          Anche oggi Luca sarà lieto di perfezionare la vostra tecnica di nordic walking e di raccontarvi un po’ di storia del luogo e di farvi scorgere la fauna locale in mezzo ad alberi, sottobosco e prati.
          Nel pomeriggio è prevista la visita a un dei monumenti storico-artistico di cui le pendici della Bisalta sono costellate: Santuario di Madonna dei Boschi, la Certosa di Pesio, Villaggio preistorico della Rocarina.
          cena e pranzo liberi o inclusi su prenotazione.
          DISLIVELLO POSITIVO : 100 m
          Pernottamento

          3 giorno Escursione intera giornata (6 ore)
          Colazione in struttura a base di prodotti locali.
          Incontro con Luca e partenza per l’itinerario conclusivo, più lungo, ma sempre studiato sulle esigenze e sulle capacità dei partecipanti. (pranzo al sacco di prodotti locali incluso).
          Prima della partenza per rientrare a casa, si consiglia di assaggiare la tipica “merenda sinoira piemontese” vecchia zia del più moderno “apericena”.
          Fine servizi

           

          DISLIVELLO POSITIVO: massimo 100 m

          Sistemazione e Prezzi

          • Prenotazione

            Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

          • Contattaci usando WhatsApp

            oppure
            inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
            • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
            • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
          • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
          •  

          V136- Agnello – Monginevro

          V136

          Agnello - Monginevro 250 km

          Giorni

          2

          Periodo

          aprile - novembre

          Località

          Attività

          icon-scooter
          Moto

          Programma

          1 giorno  arrivo in Valle Stura
          Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
          In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
          di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
          Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
          (bevande escluse)
          Pernottamento

          2 giorno Agnello – Monginevro (250 km)

          Dopo colazione incontro con il nostro esperto Angelo e inizierete a seguire “la moto gialla”.
          Punto di partenza ideale di questo itinerario è la Città di Saluzzo, dalla quale si risale la Val Varaita (V. note aggiuntive) sino al Colle dell’Agnello, si discende dunque sino a Molines en Queyras per poi rimontare fino allo spettacolare colle dell’Izoard e di qui verso la città più alta di Francia: Briançon, oggi classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, città d’arte e di storia costruita nel XVIII secolo e fortificata nel XVIII secolo da Vauban, è difesa un numero notevole di fortificazioni. Imperdibile. Lasciato l’abitato si inizia la salita verso il Colle del Monginevro, quindi le località di Claviere, Sestriere e Cesana, che in inverno come in estate offre numerosi svaghi, per giungere a Fenestrelle, dove è situata una imponente forte costituito da tre complessi fortificati uniti da un tunnel, al cui interno corre la scala coperta più lunga d’Europa, con ben 4.000 gradini. La superficie di 1.350.000 mq di compendio e una lunghezza di 3 Km distribuita su 650 m di dislivello ne fanno una opera architettonica formidabile. Discendendo la Val Chisone giungeremo quindi a Pinerolo: città storica e sede del Museo della Cavalleria, proseguendo per Cavour e Saluzzo, i cui nomi evocano un passato di nobiltà e ricchezza, infine ritorno a Borgo San Dalmazzo. NOTE

          NOTE AGGIUNTIVE:

          Val Varaita
          Con i suoi prati e boschi la valle Varaita detta “Smeraldina” è la più verde della provincia di Cuneo. Qui, adagiato lungo le pendici del Monviso, tra i 1500 e i 2500 metri è presente il bosco di pino cembro più esteso delle Alpi: l’Alevè. La valle si sviluppa lungo una settantina di chilomentri, dai primi paesi di fondovalle fino ai 2748 metri del Colle dell’Agnello, al confine con la regione francese del Queyras. Sampeyre, Bellino, Casteldelfino, Pontechianale e Chianale conservano nuclei autentici di architettura tradizionale e le piccole baite del pascolo estivo. La Valle Varaita stupisce per la varietà del suo paesaggio naturale e culturale: dai santuari montani alle meridiane, chiese, piccole cappelle e castelli (Costigliole Saluzzo, Verzuolo e Casteldelfino). Rigogliosa e ricca di spunti turistici, questa terra che ha saputo conservare il suo patrimonio culturale è ideale per una vacanza, sportiva o rilassante…

          Sistemazione e Prezzi

          • Prenotazione

            Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

          • Contattaci usando WhatsApp

            oppure
            inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
            • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
            • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
          • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
          •  

          V135- Colle Maddalena – Monginevro

          V135

          Colle della Maddalena - Monginevro 310 km

          Giorni

          2

          Periodo

          aprile - novembre

          Località

          Attività

          icon-scooter
          Moto

          Programma

          1 giorno  arrivo in Valle Stura
          Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
          In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
          di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
          Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
          (bevande escluse)
          Pernottamento

          2 giorno Colle della Maddalena – Vars – Agnello (250 km)

          Dopo colazione, incontro con il nostro esperto Angelo e partenza a seguito della sua “moto gialla”.
          Questo itinerario inizia da Borgo San Dalmazzo e attraversando gli abitati di Demonte, Vinadio (famoso è il suo Forte Albertino, da non perdere), Sambuco, Pietraporzio e Bersezio, si svolge inizialmente in Valle Stura (V. note aggiuntive) ed entra in Francia percorrendo la Valle dell’Ubaye dove si potrà visitare il caratteristico paese di Saint-Paul-sur-Ubaye, in cui lungo la settimana si può gustare la deliziosa birra prodotta in loco.
          Si risale dunque al Colle di Vars per discendere nell’omonimo abitato, rinomata stazione sciistica durante i mesi invernali e si discende sino all’abitato di Guillestre, da qui proseguiremo verso la città più alta di Francia: Briançon, oggi classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
          Città d’arte e di storia costruita nel XVIII secolo e fortificata nel XVIII secolo da Vauban, è difesa un numero notevole di fortificazioni. Non si può non farle visita.
          Lasciato l’abitato si inizia la salita verso il Colle del Monginevro, quindi le località di Claviere, Sestriere e Cesana, che in inverno come in estate offre numerosi svaghi, per giungere a Fenestrelle, dove è situata una imponente forte costituito da tre complessi fortificati uniti da un tunnel, al cui interno corre la scala coperta più lunga d’Europa, con ben 4.000 gradini.
          La superficie di 1.350.000 mq di compendio e una lunghezza di 3 Km distribuita su 650 m di dislivello ne fanno una opera architettonica formidabile.
          Discendendo la Val Chisone giungeremo quindi a Pinerolo: città storica e sede del Museo della Cavalleria, proseguendo per Cavour e Saluzzo, i cui nomi evocano un passato di nobiltà e ricchezza, infine ritorno a Borgo San Dalmazzo.

          NOTE AGGIUNTIVE:
          Valle Stura:

          Da Borgo San Dalmazzo sale verso Argentera, da cui la strada raggiunge ed entra in territorio francese presso il colle della MADDALENA (Col de Larche) Da sempre importante punto di transito tra il Piemonte e la Francia per gli scambi commerciali, per il cammino spirituale dei pellegrini nonchè per il passaggio di eserciti belligeranti, Come nella adiacente Valle Gesso anche qui sono presenti degli impianti termali sulfurei (Terme di Vinadio) che unitamente al Forte Albertino costituiscono un forte richiamo per il turismo, unitamente alle svariate possibilità di praticare sport quali: pesca, canoa, kayak e rafting. Attrezzata anche per gli sport invernali, offre la possibilità di dedicarsi sia allo sci nordico (Festiona) che alla discesa (Argentera) Vi sono strade di collegamento verso le adiacenti Valle Gesso e Valle Grana

          Sistemazione e Prezzi

          • Prenotazione

            Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

          • Contattaci usando WhatsApp

            oppure
            inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
            • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
            • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
          • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
          •  

          V134- Colle Maddalena – Vars- Agnello

          V134

          Maddalena - Vars - Agnello - 250 km

          Giorni

          2

          Periodo

          aprile - novembre

          Località

          Attività

          icon-scooter
          Moto

          Programma

          1 giorno  arrivo in Valle Stura
          Arrivo in Valle Stura e sistemazione in una struttura dotata di garage per moto
          In base all’ora di arrivo prima conoscenza della Valle, saremo lieti di consigliare un itinerario
          di visita sulla strada verso la vostra sistemazione finale.
          Arrivo presso la struttura prescelta, tempo per il relax e cena a base di prodotti tipici.
          (bevande escluse)
          Pernottamento

          2 giorno Colle della Maddalena – Vars – Agnello (250 km)

          Dopo la colazione in struttura incontro, per chi vorrà, con il nostro esperto Angelo e inizierete a seguire la sua “moto gialla”.
          Un itinerario che partendo da Borgo San Dalmazzo e attraversando gli abitati di Demonte, Vinadio (famoso è il suo Forte Albertino, da non perdere), Sambuco, Pietraporzio e Bersezio, si svolge inizialmente in Valle Stura (V. note aggiuntive) ed entra in Francia percorrendo la Valle dell’Ubaye dove si potrà visitare il caratteristico paese di Saint-Paul-sur-Ubaye, in cui lungo la settimana si può gustare la deliziosa birra prodotta in loco.
          Si risale dunque al Colle di Vars per discendere nell’omonimo abitato, rinomata stazione sciistica durante i mesi invernali e si discende sino all’abitato di Guillestre, da cui inizieremo ad addentrarci nel Parco Regionale del Queyras, area geografica il cui difficile accesso ha contribuito durante i secoli passati a mantenerne la natura inalterata.
          Quindi rimonteremo sino allo spettacolare Colle dell’Agnello per poi discendere la Valle Varaita (V. note aggiuntive) sino a Busca, e rientrare a Borgo San Dalmazzo.

          NOTE AGGIUNTIVE

          Valle Stura:
          che da Borgo San Dalmazzo sale verso Argentera, da cui la strada raggiunge ed entra in territorio francese presso il colle della MADDALENA (Col de Larche) Da sempre importante punto di transito tra il Piemonte e la Francia per gli scambi commerciali, per il cammino spirituale dei pellegrini nonché per il passaggio di eserciti belligeranti.
          Come nella adiacente Valle Gesso anche qui sono presenti degli impianti termali sulfurei (Terme di Vinadio) che unitamente al Forte Albertino costituiscono un forte richiamo per il turismo, unitamente alle svariate possibilità di praticare sport quali: pesca, canoa, kayak e rafting. Attrezzata anche per gli sport invernali, offre la possibilità di dedicarsi sia allo sci nordico (Festiona) che alla discesa (Argentera) Vi sono strade di collegamento verso le adiacenti Valle Gesso e Valle Grana

          Valle Varaita  Con i suoi prati e boschi la valle Varaita detta “Smeraldina” è la più verde della provincia di Cuneo. Qui, adagiato lungo le pendici del Monviso, tra i 1500 e i 2500 metri è presente il bosco di pino cembro più esteso delle Alpi: l’Alevè. La valle si sviluppa lungo una settantina di chilomentri, dai primi paesi di fondovalle fino ai 2748 metri del Colle dell’Agnello, al confine con la regione francese del Queyras. Sampeyre, Bellino, Casteldelfino, Pontechianale e Chianale conservano nuclei autentici di architettura tradizionale e le piccole baite del pascolo estivo. La Valle Varaita stupisce per la varietà del suo paesaggio naturale e culturale: dai santuari montani alle meridiane, chiese, piccole cappelle e castelli (Costigliole Saluzzo, Verzuolo e Casteldelfino). Rigogliosa e ricca di spunti turistici, questa terra che ha saputo conservare il suo patrimonio culturale è ideale per una vacanza, sportiva o rilassante… esenti degli impianti termali

          Sistemazione e Prezzi

          • Prenotazione

            Se sei interessato alle nostre proposte contattaci compilando il seguente modulo o chiamandoci al 348.314.98.37. Puoi usare anche WhatsApp.

          • Contattaci usando WhatsApp

            oppure
            inquadra il QR-CODE a lato con il tuo smartphone
            • Indica quanti siete. In caso di numero disparo indicalo nelle informazioni aggiuntive
            • Indica una data di partenza anche indicativa se vuoi.
          • Spuntando la casella dichiari di accettare la nostra policy sul trattamento dei dati personali.
          •