V143

Alla scoperta della valle più autentica
04-09 luglio 2021

Giorni

7

Periodo

luglio

Località

Attività

icon-trekking
Escursione

Programma

Una settimana che vi porterà alla vera scoperta della Valle Maira con la nostra guida escursionistica e accompagnatrice turistica  Fulvia Girardi.  Fulvia vi svelerà i  segreti di questo territorio,  Quali sono le esperienze uniche che potrete fare? Fermarvi a degustare e scoprire i segreti dei mieli biologici alpini, cosa sono e come fare le Raviolos piatto tipico della cucina popolare Occitana, assaporare il vero gusto del Nostrale d’Alpe prodotto a 1600 m, conoscere cappelle con affreschi della fine del ‘400 ed antichi mestieri come quello dei “Pelassiers” (Raccoglitori di Capelli), essere allietati dalla musica tipica Occitana dal vivo.

Giorno 1 
Arrivo in Valle Maira  in automonomia e sistemazione presso l’agriturismo il Chersogno Sistemazione alberghiera: Agriturismo Il Chersogno a San Michele di Prazzo. Incontro con Fulvia in agriturismo verso le 19:00, per potersi conoscere meglio davanti ad un aperitivo di benvenuto e per la presentazione della settimana che vi attende!
Cena inclusa e pernottamento

Giorno 2 – Da Castiglione (1477 mt) ad Ussolo (1337 mt)
Dopo la colazione incontro con la guida Fulvia (pranzo al sacco dell’escursionista incluso).
Transfer incluso alla borgata di Castiglione (1477 m) affascinante borgata che ci dà il benvenuto con passaggi coperti, colonne rotonde (tipiche dell’architettura della Valle Maira) e la vista di un antico mulino abbandonato. Prenderemo il sentiero boscoso che si inerpica, a tratti ripido, verso la Punta Albeno (1796 m) punto più alto della nostra giornata, che ci regalerà una vista spettacolare su tutto il Vallone di San Michele di Prazzo e l’alta Valle Maira. Scenderemo,  verso la frazione di Ussolo.
Dopo aver preso il tempo di visitare questa piccola frazione, godere di un buon picnic all’aria aperta rientreremo con il pulmino al nostro agriturismo dove ci attenderà una degustazione di mieli tipici alpini, con spiegazione della loro produzione e di come poter aiutare le api nel loro lavoro.
Cena  e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello 320 metri
tempo di percorrenza circa 4 ore
  

Giorno 3 – Lou Viol dal Genestier (il Sentiero delle Ginestre)
Colazione in struttura e incontro con Fulvia (pranzo al sacco dell’escursionista incluso).
Oggi partiremo direttamente dal nostro agriturismo ad Allemandi (1545 m) alla scoperta di questo bellissimo giro ad anello. Questo sentiero è celebre per via della rara Genista cinerea che fiorisce in particolare a maggio. Il cammino di oggi si snoda per la maggior parte di tempo su strada sterrata, con una piccola salita alla Charjia d’Ase (1650 m) che ci regalerà una vista unica sull’Orrido di Elva e tutta la media valle. Continueremo il nostro giro affrontando la discesa un po’ più ripida e su sentiero fino alla Punta Ruvera (1400 m), un altro punto estremamente panoramico per poi prendere una strada  sterrata che ci condurrà a San Michele, per una visita della sua imponente chiesa ed al centro abitato per poi risalire ad Allemandi. Pronti a diventare cuochi? Questa sera si cucina! La nonna di casa Allemandi ci darà dimostrazione pratica di come si cucinano le “Raviolos”, tipici gnocchi di patate delle Valli Occitane. Quindi, tenetevi pronti ad appuntare la ricetta ed a mettere le mani in pasta! Si cucina!
Cena e pernottamento.

Info tecniche
Dislivello 300 metri
tempo di percorrenza circa 2,30

Giorno 4 – Grange Murlone (2013 m)
Colazione in struttura ed incontro con Fulvia e partenza con il nostro pranzo al sacco incluso.
Transfer incluso da Allemandi Marmora borg. Superiore e viceversa 17 km – 40 min.
Uno dei punti più panoramici e facilmente raggiungibili della Valle Maira è quello delle Grange Murlone (2013 m), un vero compasso della valle, dove la vista si perde a 360° fino a vedere il Re delle Alpi Cozie: il Monviso e, se si ha voglia di Salire fino al Monte Buch (2111m), su tutta la Valle Maira da Dronero fino ad Acceglio. Il percorso è semplice: buona parte su strada sterrata, all’interno di un bosco di larici, per poi salire su un dolce crinale fino alle baite (grange in Occitano). Il rientro si farà lungo lo stesso percorso fino a ritornare alla frazione Superiore (1524 m), dove faremo visita al caseificio di Serra Sergio, allevatore di vacche di razza Piemontese ed ottimo produttore del formaggio tipico della Valle Maira: il Nostrale d’Alpe. Sergio ci attenderà per offrirci un’ottima merenda alla montanara a base dei suoi prodotti: pane e burro e marmellata oppure yogurt o un assaggio dei suoi formaggi. Transfer di ritorno ad Allemandi (17 km – 40 min)
Cena inclusa e pernottamento

Info tecniche:
Dislivello 460 metri
tempo di percorrenza circa 4 ore

Giorno 5 – Elva (1639 m) passando per il Colle di San Michele (1932 m)
Dopo colazione incontro con Fulvia e partenza direttamente dal nostro agriturismo andremo verso il Colle di San Michele (1932 m) su un comodo sentiero in salita, ma celebre perché zona abitata da “masche” (streghe in Occitano)! Il Colle di San Michele sarà il nostro punto più alto, con una superlativa panoramica. Da qui prenderemo il sentiero che scende e che ripercorre l’antica via medievale che collegava tutti i centri abitati della Valle Maira. Con una lunga discesa nel fresco bosco raggiungeremo Chiosso (1523 m) piccola frazione del comune di Elva, per poi prendere la strada asfaltata che ci porterà a Serre (1639 m), cuore di Elva e fiore all’occhiello della Valle Maira. Proprio in questa frazione si erge la chiesa Parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta che cela al suo interno un vero gioiello: il ciclo di affreschi di Hans Klemer, pittore itinerante fiammingo, in attività alla fine del 1400 presso il Marchesato di Saluzzo e che regalò alla nostra valle questa piccola Cappella Sistina. Completeremo poi la giornata con la visita del Museo dei Pelassier (raccoglitori di capelli) antico mestiere che fece conoscere Elva in tutta Europa. Questa è la nostra ultima sera e qual’è il modo migliore per salutarci se non quello di farlo in musica? I “Giari” (topi in Occitano) della casa Allemandi ci faranno conoscere la musica Occitana e rallegreranno l’atmosfera con canti e suoni tipici e, se lo vorremo, potremo buttarci nelle danze

Info tecniche:
Dislivello 550 metri
tempo di percorrenza circa 5 ore

Giorno 6 – Riserva Naturale dei Ciciu del Vilar
Questo è il giorno che chiuderà la nostra settimana, dopo aver salutato il nostro agriturismo, scenderemo a Villar San Costanzo (644 m) per addentrarci nel magico mondo de “I Ciciu del Vilar” (Ciciu in piemontese significa fantocci). In questa Riserva Naturale, all’interno di un bosco di querce, roverelle e castagni, spuntano curiosi e pittoreschi questi funghi di pietra davvero particolari ed unici. Sono molte le ipotesi e le leggende che ci aleggiano intorno, ma la storia geologica di questo posto ne svelerà il mistero. Finita la passeggiata in questo posto incantato potremo salutarci e dirci “Arrivederci ed alla prossima!” Fine dell’escursione previsto per le ore 14:00.
Fine servizi

Sistemazione e Prezzi

Agriturismo Al Chersogno

    Indica il numero di partecipanti


    Dati del partecipante responsabile della prenotazione








    Numero:

    Emissione:
    Scadenza:

    Nome del Secondo partecipante


    Nome del Terzo partecipante


    Nome del Quarto partecipante


    Nome del Quinto partecipante


    Nome del Sesto partecipante


    Nome del Settimo partecipante


    Nome dell'Ottavo partecipante


    Nome del Nono partecipante


    Nome del Decimo partecipante


    Informativa Privacy



    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi